“Controllate i biglietti: sciopero Ryanair!”. Ecco quando gli aerei resteranno fermi. Se avete un viaggio in programma, assicuratevi di non rischiare di rimanere a terra


 

Brutte notizie per chi ha qualche volo prenotato. Tutto il personale Ryanair di base sul territorio italiano sciopererà per l’intera giornata di sabato 10 febbraio. A proclamare e annunciare la protesta unitariamente sono Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti. Lo sciopero, spiegano, è stato indetto “per il mancato avvio di un confronto serio sui temi del contratto collettivo di lavoro e delle tutele sociali di tutto il personale”. Secondo le tre organizzazioni sindacali confederali dei trasporti “è decisamente insufficiente ciò che Ryanair, al di là delle dichiarazioni mediatiche, ha oggi messo in campo. Deve essere invece immediatamente avviato – chiedono Filt, Fit e Uiltrasporti – un confronto a tutto tondo su salari e tutele di tutto il personale e non solo per una parte di questi”. E non finisce qui, perché la lettera con cui si ufficializza lo sciopero è davvero molto pesante per la nota azienda di voli low cost. (Continua a leggere dopo la foto)







“Non è inoltre accettabile – spiegano infine le tre organizzazioni sindacali confederali – che sia l’azienda a scegliersi gli interlocutori sindacali, in totale spregio ai più elementari principi di rappresentatività e di libera scelta dei lavoratori sanciti dal nostro ordinamento”. Si tratta dell’astensione dal lavoro di piloti, assistenti di volo e personale che opera su basi Italiane alle dipendenze e per conto di Ryanair. Le ragioni della protesta -la prima, organizzata e generalizzata a tutti i dipendenti- risiedono nel mancato avvio di un confronto serio sui temi del contratto collettivo di lavoro e delle tutele sociali di tutte le categorie di lavoratori. (Continua a leggere dopo la foto)





 

 

Più dura la nota del comitato che riunisce i piloti che spiega come lo scorso 6 gennaio “la compagnia ha preparato l’ennesima presa in giro per i suoi lavoratori che sempre più alacremente lavorano con turni massacranti ricevendo in cambio mancanze di rispetto. Il management di compagnie interinali e Ryanair hanno incontrato rappresentanti dei lavoratori non sindacalizzati portavoce delle basi italiane per presentare un nuovo contratto di lavoro che è semplicemente un’offesa a tutti i lavoratori Ryanair. Trattasi di fisso di 700€ più 6,24€ per ora di volo (non vengono pagate le ore a terra per sbarco e imbarco più le ore di presenza in ufficio. Non si menziona l’adozione di un contratto di categoria”, aggiungono i piloti, “con le tutele che ne derivano né si discute di adeguamento dei salari al costo della vita reale. Si stabilisce un turno di lavoro di 5 ore più 3 di riposo in base a produttività. Inoltre Ryanair negozierà con un unico sindacato e non con le sigle che rappresentano i lavoratori”.

 

Ti potrebbe interessare anche: “Qua non ci sto”. Panico sul Ryanair: prende il suo trolley e lo fa davvero. “Matto!”. Il video di quei drammatici momenti: “Ho un attacco di asma, devo respirare”, poi l’apertura del portellone

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it