Sconvolgente: una “mamma” di Pescara costringe il figlio di 5 anni a fare sesso con lei e poi diffonde i video della tremenda vergogna. Ma ecco come è andata a finire (per fortuna)


 

Foto e video mentre fa sesso con un bambino, risultato poi essere il figlio di cinque anni: sono stati trovati dalla polizia postale di Pescara in diversi dispositivi informatici sequestrati a casa di una donna. Terrificante la storia raccontata dal Messaggero. Insieme al cugino, la donna è stata arrestata per produzione e divulgazione di materiale pedopornografico, atti sessuali con minorenni e corruzione di minorenni, in esecuzione di due ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal gip presso il tribunale dell’Aquila.

(Continua dopo la foto)








Le fotografie e i filmati sono stati trovati dalla polizia Postale in diversi dispositivi informatici, sequestrati a casa della donna arrestata. Il Tribunale per i Minorenni del capoluogo abruzzese ha disposto l’allontanamento dei figli dalla casa dell’arrestata. L’indagine, condotta dalla polizia postale e delle comunicazioni per l’Abruzzo di Pescara e coordinata dal pm Roberta D’Avolio della procura distrettuale dell’Aquila, è partita da una segnalazione del Servizio polizia postale e delle comunicazioni attraverso il centro nazionale per il contrasto alla pedopornografia online (C.N.C.P.O.) che coordina l’attività di tutti i compartimenti territoriali.

In particolare, tra il materiale sequestrato vi sono un video ripreso dal bambino in cui la madre si ‘esibisce’ e delle immagini in cui si vedrebbe la donna compiere atti sessuali con il bimbo. I due cugini arrestati stamani, entrambi sulla quarantina, sono finiti in carcere, lui a Pescara e lei a Chieti. La donna viveva con il compagno, al momento estraneo ai fatti, e con i figli, che ora si trovano in una struttura protetta.

Ti potrebbe interessare anche: Il sacerdote choc che giustifica gli orrori: “Perché i preti vanno coi bambini? I piccoli cercano affetto e…”. E ancora: “Capisco la pedofilia, non l’omosessualità”

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it