“C’era troppa neve, l’ambulanza è rimasta bloccata”. Sestriere, è dramma dopo la violenta valanga che si è abbattuta sul villaggio olimpico. L’ultimo aggiornamento


 

Di male in peggio, la situazione sembra aggravarsi con storie che tolgono il fiato. L’ambulanza su cui viaggiava per raggiungere l’ospedale di Susa è rimasta bloccata per alcuni minuti sulla strada da Sestriere a causa di un albero caduto in seguito all’abbondante nevicata. Una donna di 70 anni, colpita da emorragia cerebrale, è morta la scorsa notte a bordo dell’ambulanza. “I tempi erano strettissimi, dovevamo arrivare in ospedale in 15 minuti, tempistica difficile anche con la strada pulita”, spiega Carlo Florindi, presidente della Croce Rossa di Bardonecchia. Più volte rianimata in ambulanza, la donna non ce l’ha fatta. “Siamo riusciti a salire al Sestriere- racconta ancora Florindi – ma al ritorno abbiamo trovato la strada bloccata”. L’intervento dei vigili del fuoco è stato immediato, come i tentativi di rianimare in ambulanza la donna, che ha avuto due arresti cardiaci prima del blocco stradale e un altro subito dopo. A bordo era presente un medico. Il verbale del 118 è stato consegnato all’ospedale di Susa. L’Asl To3 ha avviato le verifiche del caso per accertare i tempi del soccorso. (Continua a leggere dopo la foto)







Un centinaio di persone sono state evacuate dal Villaggio Olimpico di Sestriere, la struttura realizzata per i Giochi del 2006 e oggi adibita a hotel e residence, dopo che una trentina di stanze sono state invase dalla neve caduta da un cornicione. Sul posto stanno intervenendo i carabinieri. Non risultano esserci feriti. Dopo la valanga che questa notte ha invaso 15 appartamenti di un condomino di Sestriere, sempre nel Comune dell’alta Valsusa la neve caduta da un cornicione del tetto è entrata in una trentina di stanze nel seminterrato del villaggio olimpico. (Continua a leggere dopo la foto)





 

L’intero piano con un centinaio di persone è stato evacuato ma non si registrano feriti, eccezion fatta per un addetto del personale che presta servizio al villaggio che, a quanto si apprende, avrebbe battuto un polpaccio in un armadio senza tuttavia riportare conseguenze tanto che al momento non è previsto il trasferimento in ospedale per accertamenti.

 

Ti potrebbe interessare anche: “Un gran rumore, poi la neve che entrava dappertutto”. Valanga choc in Italia. Dopo la tragedia di Rigopiano, un’altra slavina irrompe violentemente nelle vite di 29 persone. Una paura lunga una notte intera

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it