“Ciao mamma, sono io, sono Denise”. Ecco la terribile verità su quel messaggio choc arrivato alla mamma della piccola scomparsa nel nulla


 

I carabinieri di Potenza hanno prelevato un campione del Dna della bambina che – per fare uno scherzo, come ormai sembra accertato – ha postato dal suo computer un messaggio su un account Facebook di Piera Maggio, madre di Denise Pipitone, scomparsa nel 2004 da Mazara del Vallo, dicendo di essere proprio Denise: il campione della ragazzine, residente a Tito, in provincia di Potenza, è stato inviato ai Ris per una comparazione con il Dna di Denise.

(Continua a leggere dopo la foto)








Secondo quanto si è appreso in ambienti investigativi, la madre della ragazzina (che ha dato alla figlia il suo cognome, essendo stata abbandonata dal padre) non si sarebbe opposta in alcun modo al prelievo del Dna della figlia. Il padre della bambina, che non l’ha riconosciuta, porta lo stesso cognome di una famiglia di nomadi coinvolta nella prima fase delle indagini sulla scomparsa di Denise Pipitone.

La bambina che ha scritto il post su Facebook ha circa undici anni e, all’arrivo dei militari nella sua casa, ha subito ammesso che si è trattato di uno scherzo.

Denise Pipitone e quella stretta al cuore per sua madre. Arriva il messaggio choc: ”Mamma sono io, sono Denise”. Ecco l’ultimo colpo di scena di un caso infinito e straziante

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it