“Mi sento male”. Sono state le ultime parole che è riuscita a pronunciare prima di crollare a terra sotto gli occhi del marito. Un infarto. Momenti di panico e l’ambulanza che corre a sirene spiegate. E quando arriva, i medici si trovano davanti agli occhi una scena choc


 

L’ amore che supera le barriere. Che non conosce ostacoli e vince anche la morte. Per tutta la vita si erano tenuti per mano e anche stavolta hanno mantenuto fede alla loro parola. Nella felicità e prima del passo estremo. Così un uomo di un uomo di 72 anni e sua moglie, 73enni, sono morti a distanza di pochi istanti l’uno dall’altra. È successo a Eboli, in provincia di Salerno. A quanto si apprende dai media locali l’uomo non ha retto alla vista della moglie morente e gli è venuto un infarto. Il dramma si è consumato nell’abitazione in cui la coppia di anziani coniugi viveva. La donna è deceduta a causa della rottura di un’arteria femorale. Quando il marito, cardiopatico, l’ha vista riversa a terra, ha avuto un infarto che non gli ha lasciato scampo. Sul posto è giunta un’ambulanza dell’Humanitas. Ma purtroppo per loro non c’è stato nulla da fare. Una storia che ricorda da vicino quella di Primo Bortolotto ed Anna Mason (in foto), marito e moglie rispettivamente di 93 e 92 anni, di Treviso morti lo stesso giorno. C’è un’unica foto nell’epigrafe che annuncia la loro morte, sono insieme e sorridenti. (Continua dopo la foto)

Ti potrebbe interessare: L’AMORE VINCE TUTTO. IL VIDEO VIRALE CHE SPOPOLA IN RETE…






Entrambi da un certo periodo facevano i conti con l’età e soprattutto con la malattia.Anna era stata ricoverata in ospedale a Castelfranco, dov’è morta. A poche ore di distanza il destino ha fatto spegnere anche Primo.La fine migliore, per una amore infinito. Famosa città della Campania Eboli sé sorta sulle pendici del Montedoro, un contrafforte del gruppo montuoso Monte Raione – Monte Ripalta. Il territorio è per il 90% pianeggiante composto dalla pianuraalluvionale del fiume Sele, che ne delimita il territorio a sud. La restante parte, collinare-montuosa, ricade nel Parco regionale Monti Picentini. Oltre al Montedoro comprende la zona collinare Monti di Eboli suddivisa fra il comune di Olevano sul Tusciano e quello di Battipaglia. (Continua dopo le foto)








 

L’elemento di maggiore notorietà della cittadina resta comunque l’essere citata nel titolo del libro di Carlo Levi, Cristo si è fermato a Eboli; lo scrittore antifascista torinese, confinato ad Aliano in Basilicata, così riprendeva un’espressione della Gente Lucana: “Noi non siamo Cristiani, perché Cristo si è fermato ad Eboli.”: così si intendeva dire che Eboli – “dove la ferrovia e la strada abbandonano il golfo di Salerno”- rappresentava l’avamposto della “Civiltà” prima di “addentrarsi” nelle desolate terre di Lucania.

Ti potrebbe interessare: “Sono morti in diretta!”. Il video choc sul web. Accendono la telecamera in casa, si cominciano a filmare. Poi escono e ha inizio il terribile ‘show’ sotto gli occhi degli utenti scioccati. La morte è arrivata così

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it