Omicidio Yara Gambirasio, inspiegabile colpo di scena: “Ecco cosa è successo due anni prima dell’arresto di Bossetti”. Quel fatto che avrebbe potuto chiudere il caso già allora…


 

Nuovi dettagli sul caso di Yara Gambirasio arrivano da Luca Telese che, per il quotidiano Libero, sta seguendo le vicende processuali che vedono imputato Massimo Bossetti, l’uomo accusato di aver ucciso la 13enne, arrestato nel giugno 2014. Nel corso di un’udienza che non sembrava dovesse portare a grosse novità emerge un dato di fatto parecchio incomprensibile, che però, secondo il quotidiano, già da mesi circolava tra i cronisti che seguono il caso, senza però essere mai stato ufficialmente reso noto.

(continua dopo la foto)







Gli inquirenti, difatti, erano già arrivati alla madre di Bossetti ben due anni prima dell’arresto del muratore di Mapello. Ester Arzuffi era infatti stata inserita in un gruppo di 33 persone individuate sottoposte all’esame del Dna, con intuizioni investigative molto intelligenti. Tuttavia in laboratorio – e questo è l’aspetto segnalato con stupore da Telese – erano arrivati i campioni sbagliati e la donna non era stata individuata. In pratica il Dna della madre di Bossetti non era stato confrontato con quello del sospettato, conosciuto nelle cronache come ‘Ignoto 1’, ma per errore con quello della madre di Yara.

Nel resoconto di Telese vengono fuori nuovi particolari sulle indagini, grazie alle dichiarazioni in aula dell’ex capo della squadra mobile di Bergamo, Gianpaolo Bonafini: “Seguendo il filo logico della nostra inchiesta eravamo arrivati ad isolare un gruppo di trentatré soggetti emigrati negli anni dalla zona della Val Seriana a quella dell’ Isola di Bergamo. Ester Arfuffi aveva preso residenza nel 1966 a Parre, e nel 1969 a Brembate, e quindi rientrava pienamente in questi criteri. Abbiamo prelevato il suo campione il 27 luglio del 2012”.

Caso Yara Gambirasio, spunta un misterioso messaggio del padre alla segreteria telefonica della 13enne, 4 giorni dopo la sua scomparsa. Una strana circostanza perché emerge che lui potesse sapere qualcosa. Ecco cosa ha detto

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it