Ennesima tragedia in famiglia, spara alla moglie mentre lei supplica: “Non voglio morire”. E alla fine lui…


 

Ferita, è riuscita a uscire da casa, chiedendo aiuto. E anche il suo aggressore: “Aiutate mio marito, sta morendo”, ha detto più volte. Il racconto su Repubblica è di alcuni dei vicini di casa che hanno soccorso per primi Carmela Lembo, 53 anni, moglie di Antonio Bani, 55 anni, guardia particolare giurata. L’uomo ieri a San Giorgio a Cremano, nel Napoletano, si è tolto la vita sparandosi un colpo alla testa dalla sua pistola di servizio calibro 7.65, dopo avere esploso otto colpi all’indirizzo della moglie, ricoverata in gravi condizioni all’ospedale di Napoli Loreto Mare.

(Continua dopo la foto)



Carmela Lembo è ancora viva perché nessun proiettile l’ha raggiunta in parti vitali. I vicini l’hanno aiutata e nel frattempo hanno chiamato il 118 e i carabinieri. Uno dei condomini del palazzo di via Gramsci dove abita la coppia, ha deciso poi di portarla con la sua auto e di trasportarla in ospedale.

“Le sue urla sono ancora nella nostra mente, l’abbiamo vista correre in cortile tutta coperta di sangue, la prima cosa che ha detto Melina bussando alla porta del piano inferiore è stata, gridando: ‘Mio marito mi ha sparato, mio marito mi ha sparato, aiutatemi, non voglio morire’”, raccontano sotto choc i vicini. Secondo il figlio, l’uomo era apparso piuttosto giù di umore da qualche giorno. Sia la moglie che il giovane gli avrebbero chiesto più volte cosa avesse, non ricevendo risposta. Ma, stando, a quanto spiegato dal figlio, nulla faceva presagire che il padre potesse mettere in atto gesti estremi.

Ti potrebbe interessare anche: Strage familiare: carabiniere uccide moglie, figlia di 8 anni e anziana madre. Poi il suicidio