“Aiutatemi, mio padre ha la testa fracassata”. Orrore in Toscana. Rientra dalla festa del paese e scopre una scena agghiacciante: Enzo, 62 anni, è in una pozza di sangue, con l’arma del delitto, un mattarello, accanto. Dopo l’allarme ecco arrivare la verità: chi ha compiuto l’efferato omicidio


 

Al culmine di una lite, ha colpito il marito alle spalle con il mattarello, preso da un cassetto della cucina, e gli ha fracassato la testa uccidendolo. Poi ha tentato il suicidio ingerendo dei sonniferi. E’ accaduto la scorsa notte in una casa alla periferia di Terranuova Bracciolini (Arezzo) nel giorno in cui in paese era in pieno svolgimento la festa del Perdono con migliaia di persone per le strade. A scoprire il corpo dell’uomo in una pozza di sangue è stata la figlia della coppia quando è rincasata. La vittima è Enzo Canacci, un 62enne, pensionato, personaggio noto a Terranuova, dove era stato presidente della locale sezione Avis. Il pm di turno della Procura di Arezzo, Angela Masiello, ha disposto l’autopsia. La moglie, 58 anni, impiegata, è stata arrestata e portata dai carabinieri nel carcere di Arezzo. La donna ha confessato il delitto. Dopo l’omicidio, ha assunto farmaci, una manciata di sonniferi per suicidarsi, ma l’arrivo dei sanitari del 118 ha impedito il peggio ed è stata salvata dalle cure dei medici all’ospedale. (Continua a leggere dopo la foto)







All’origine della tragedia familiare potrebbe esserci la condizione di estrema fragilità fisica dell’uomo, che era rimasto vittima anni fa di un ictus, tanto che l’uomo aveva bisogno di continua assistenza, a causa dei gravi problemi di deambulazione. Forse nel pomeriggio è scoppiato un primo litigio, a cui ne sarebbe seguito un altro in serata, quando la figlia era già uscita di casa per partecipare alla festa del Perdono. Ed è stata proprio la giovane, 25 anni, che rientrata a casa ha scoperto la scena agghiacciante del padre con la testa fracassata e la madre distesa sul divano dopo aver assunto i sonniferi e ha dato l’allarme chiamando il 118 e i carabinieri. (Continua a leggere dopo le foto)





 

Il sindaco di Terranuova Bracciolini Sergio Chienni affida al proprio profilo social un pensiero sulla tragedia. “Cordoglio e vicinanza alla figlia Bianca e ai suoi familiari”, ha scritto il primo cittadino sulla sua pagina Facebook. ‘’Stasera – si legge ancora – in segno di cordoglio non si terrà il concerto della Filarmonica Giuseppe Verdi. Sul palco saranno posti i gonfaloni listati a lutto della Filarmonica, dell’Avis e del Comune, a ricordo dell’impegno e della passione civile di Enzo. Le nostre condoglianze e la nostra vicinanza vanno alla figlia Bianca e ai suoi familiari’’.

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it