Tragico incidente nella notte in Italia. Erano appena uscite dalla pizzeria, la bimba si era addormentata, così Nuccia l’ha presa in braccio. All’improvviso uno schianto: una famiglia distrutta


 

Era una serata tranquilla, un’uscita in famiglia in questa fine di agosto. L’aria calda, lo scampolo delle vacanze, in pratica la situazione ideale. Ma Nuccia Vullo, una giovane donna di Gela, in Sicilia, non poteva immaginare che di lì a poco la sua vita sarebbe finita. Era appena uscita da una pizzeria con la famiglia e aveva preso in braccio la figlioletta di 6 anni per attraversare la strada quando un’auto è sbucata all’improvviso e le ha investite in pieno. Le due sono state spazzate sull’asfalto, una scena terribile, ma la persona alla guida presa dal panico si è data alla fuga, senza prestare soccorso, senza vedere che cosa era successo. Questa è la terribile e straziante cornice della scena avvenuta nella tarda serata di lunedì, 28 agosto, a Gela, in Sicilia, che è costata la vita alla 35enne Nuccia Vullo. La donna faceva la parrucchiera ed era madre di una bimba. ‘Era’, perché per lei non c’è stato nulla da fare ed è morta poco dopo. Salva invece la piccola di sei anni, che è rimaste però ferita gravemente dopo l’impatto. La donna con tutta probabilità ha cercato di riparare la vita della sua bambina dall’impatto. (continua dopo la foto)



Appena avvenuta la tragedia, sono stati immediatamente chiamati i soccorsi e dopo il trasporto all’ospedale locale, la piccola è stata trasferita in elicottero in una struttura ospedaliera più grande e attrezzata a Palermo a causa di un grave trauma cranico. La bambina nel corso del trasporto ha rischiato di morire a causa di un blocco cardiaco che tuttavia è riuscita a superare grazie all’assistenza del personale medico a bordo. La piccola per il momento è ricoverata e la sua prognosi resta riservata. La famiglia prega che riesca a salvarsi, ma quando la piccola tornerà a casa, purtroppo non troverà più la sua mamma. Infatti, si sono rivelati inutili i tentativi di rianimare la madre che è morta dopo il suo arrivo al pronto soccorso. (continua dopo le foto)



 


Il drammatico incidente è avvenuto poco prima di mezzanotte in via Venezia, alla periferia est della città siciliana quando la 35enne stava attraversando la strada con in braccio la bambina che si era addormentata. Ad assistere alla scena, impotenti, i familiari della donna tra cui il marito, distrutto dal dolore. Dopo l’incidente, l’investitore ha proseguito la sua corsa rendendosi in un primo momento irreperibile. L’uomo si è consegnato spontaneamente ai carabinieri solo nella mattinata di martedì facendo ritrovare anche l’auto che aveva nascosto nell’ex mattatoio comunale. Si tratta di un 23enne del posto che ha spiegato di essere fuggito per paura di essere linciato dai parenti delle vittime. Per lui sono scattati immediatamente gli arresti domiciliari con le pesanti accuse di omicidio stradale con fuga del conducente e lesioni personali gravi.

Ti potrebbe interessare anche: ”Momenti di assoluto panico, al limite della disperazione”. Terrore in diretta a Sky: il noto personaggio ha un infarto in diretta. Salvato per miracolo dal giornalista che si trova di fronte quella scena spaventosa