“Attenzione, monete false da 2 euro in circolazione”. È il ‘pacco’ dell’estate italiana, ma ecco il trucco per riconoscerle. I carabinieri lanciano l’allarme e mettono in guardia: ”Così potete individuare quelle non vere”


 

Attenzione, circolano alcune monete da due euro false in tutto e per tutto uguali a quelle vere: gemelle diverse, ma illegali. A lanciare l’allarme è il comando antifalsificazione monetaria dei carabinieri che ne ha appena sequestrate novecento nel napoletano. Le monete erano destinate alla cassa di una gelateria di Napoli. “Sono di ottima fattura, le abbiamo trovate nel capoluogo partenopeo, ma anche a Roma e in altre città – dice all’Adnkronos il colonnello Florimondo Forleo -. Sono state create da una zecca clandestina che opera qui in Italia”. Difficile riconoscerle da quelle originali. “Mentre le banconote hanno vari elementi di sicurezza e sono difficili da riprodurre con l’ologramma, la finestra Europa e i rilievi, sulle monete un buon esperto riesce a farle molto simili all’originale – aggiunge – . E il problema riguarda anche quella da 1 euro. In più sono anche soggette a usura. Capita, magari, che la stellina non si vede più e questo non significa necessariamente che siamo di fronte a un falso”. Se a occhio nudo oggettivamente non si possono riconoscere, un trucco c’è. (Continua a leggere dopo la foto)







“Basta portarsi dietro una calamita, se la moneta da due o 1 euro è vera, allora si attaccherà, altrimenti no” conclude il colonnello Florimondo Forleo. Il Comando dei carabinieri, nell’ambito dei servizi di controllo “Estate 2017”, ha infatti effettuato diverse azioni di contrasto al falso nummario, che hanno portato al rinvenimento e sequestro di monete da due euro e banconote false da dieci, venti e cinquanta euro. “Le monete sono facili da smerciare: i commercianti le controllano raramente. – ha spiegato ancora Forleo – In questi giorni sono state sequestrate 900 monete destinate alla cassa di una gelateria di Napoli”. Il fenomeno non è nuovo, sottolinea Forleo, e il record spetta ancora a un sequestro  quattro tonnellate di monete da 1 e 2 euro di qualche anno fa. (Continua a leggere dopo la foto)








 

Capita sempre più spesso però di imbattersi in falsi ”metallici”, anche se l’attenzione deve rimanere alta anche su quelli ”di carta”. “Abbiamo sequestrato da poco 4,5 milioni di euro di banconote pronte per essere introdotte sulla costa campana fino a Palinuro. – ha spiegato ancora il colonnello Forleo – D’estate ci sono più possibilità per i falsari, oltre che per la presenza di stranieri, meno bravi degli italiani nel riconoscere i falsi, anche per il fatto che magari nella ressa chi sta alla cassa non usa i dispositivi che riconoscono le banconote contraffatte, se li ha”.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it