Sembrava un bed&breakfast qualunque, in realtà non lo era affatto. Quando i clienti uscivano da lì, infatti, erano praticamente stravolti. Ecco perché…


 

Un bed and breakfast a luci rosse è stato scoperto dalla polizia Municipale di Napoli in via Belvedere, nel quartiere Vomero. Nell’appartamento al primo piano di un palazzo signorile gli agenti hanno trovato due transessuali brasiliani e una donna cubana, che usavano le tre camere per ricevere i clienti. 

(Continua a leggere dopo la foto)








A gestire il “business” era una donna napoletana, di 63 anni, che è stata denunciata: dalle prostitute si faceva consegnare 400 euro a settimana. Il contratto di locazione dell’appartamento risulta intestato ad un uomo, di 56 anni, con precedenti penali per traffico internazionale di stupefacenti che al momento non risulta reperibile. L’immobile è stato sequestrato e la donna è stata denunciata all’autorità giudiziaria per induzione e sfruttamento della prostituzione.

“Cacciati dal Bed and Breakfast perché nostro figlio è autistico”: la denuncia choc dei genitori

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it