È il giorno del battesimo del piccolo di casa e la famiglia si è riunita. A un certo punto scatta il panico totale: parapiglia, botte e sangue ovunque. La giornata più bella si è trasformata in una orrenda tragedia: cosa è successo


 

Doveva essere un giorno indimenticabile, una di quelle occasioni in cui i parenti si riuniscono  in onore del piccolo di casa. Era il 23 aprile scorso, una domenica, e questa famiglia di Abbiategrasso in provincia di Milano si apprestava ad andare in chiesa per il battesimo dell’ultimo arrivato. Il fatto è accaduto qualche mese fa, ma soltanto nella serata del 26 luglio, i carabinieri della locale stazione sono riusciti ad arrestare un 40enne di origine calabrese, raggiunto da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere con l’accusa di tentato omicidio emessa dal gip del Tribunale di Pavia. Esatto, avete capito bene, quella che doveva essere una tranquilla giornata di festa si è trasformata in una tragedia: un vero inferno. Dopo che si è svolta la cerimonia, il piccolino con i suoi genitori e con tutti gli invitati si sono spostati per andare al ricevimento. Sul luogo gli animi si sono un po’ scaldati e presto il 40enne e un suo parente di 31 anni sono venuti alle mani. Ma poi è scattato qualcosa di terribile e nessuno ha più capito nulla. Tanta paura e una giornata completamente rovinata. (continua dopo la foto)







L’uomo, infatti, dopo il ricevimento si è avventato contro il suo parente e lo ha accoltellato davanti agli occhi sconvolti di tutti, riducendolo in fin di vita. Immediatamente sono stati chiamati i soccorsi e quando è arrivata l’ambulanza i paramedici si sono subito resi conto della gravità della situazione. Infatti il 31enne è stato portato di corsa in sala operatoria dove soltanto un’operazione chirurgica d’urgenza all’ospedale di Magenta gli ha evitato la morte. Stando a quanto ricostruito dagli inquirenti, tutto sarebbe nato a causa di uno scherzo di cattivo gusto che avrebbe inasprito gli animi già mentre era ancora in corso il ricevimento. Una classica goliardata, ma non tutti hanno lo stesso senso dell’umorismo e in certi casi c’è chi reagisce malissimo. (continua dopo le foto)








 

La famiglia si era infatti riunita per l’occasione in un agriturismo di Vigevano, nel Pavese, quando un gruppetto, tra cui anche il 31enne ferito, avrebbe sfilato la sedia al nonno del bambino, facendolo cadere: nell’occasione era scattata la prima rissa, placata a fatica. Nel corso della serata, quando tutti avevano fatto ritorno ad Abbiategrasso, il 40enne si è presentato sotto la casa dei parenti, in via Fratelli Cervi e ha cominciato ad insultare il 31enne, minacciandolo, fino a sferrargli infine una coltellata all’inguine che si era avvicinata pericolosamente all’arteria femorale, facendo temere per la vita dell’uomo. In tutto ciò, il povero piccolo e soprattutto i suoi genitori avranno un bruttissimo ricordo della giornata.

Ti potrebbe interessare anche: ”Lo sgarro reale di Kate Middleton”. In occasione del compleanno della regina, le smorfie di Baby George e della piccola Charlotte hanno incantato tutti. Ma ai più attenti quel particolare ”velenoso” non è sfuggito affatto

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it