Portano il bambino di un anno da un “medico” per la circoncisione. Ma l’intervento va storto e il piccolo è costretto a un disperato ricovero


 

Una storia terribile e che ha davvero dell’assurdo quella andata in scena nel vicentino e che ha avuto come protagonista, suo malgrado, un bimbo di soltanto un anno vittima della follia degli adulti. Un caso che ha scioccato gli utenti italiani che si chiedono come sia possibile, ancorar oggi, che tragedie del genere possano accadere. A scatenare l’incidente una circoncisione “improvvisata”, effettuata nello studio di un presunto medico che diceva di aver già effettuato in passato tante volte l’operazione e che invece non era in realtà nemmeno un dottore a tutti gli effetti. Devastanti gli effetti sul piccolo, che si trova ancora ricoverato presso l’ospedale vicentino San Bortolo. I fatti risalgono a poco meno di una settimana fa, ma soltanto ora i giornali locali ne sono venuti a conoscenza. I genitori del piccolo sono entrambi dei richiedenti asilo di nazionalità ghanese, giunti in Italia l’estate scorsa. La madre era già incinta e il bambino è nato poco dopo il suo arrivo nel nostro paese. Attualmente sono ospitati, secondo quanto riportato dal Giornale di Vicenza, all’interno di una struttura per l’accoglienza gestita da una cooperativa del territorio locale. (Continua a leggere dopo la foto)



Per far svolgere l’operazione di circoncisione, i due ghanesi non si sono recati in una struttura ospedaliera ma, consigliati da dei connazionali, si sono rivolti ad un presunto medico africano, il quale sembrerebbe aver operato in un paese della provincia di Verona. La coppia non parla italiano e in ospedale è stato possibile ricostruire parzialmente la vicenda solo grazie all’aiuto di un interprete. Entrambi hanno dichiarato di non ricordare più in modo esatto il nome del luogo dove hanno portato il figlio e si sono inizialmente rivelati reticenti anche ad affidarlo ai medici vicentini. (Continua a leggere dopo la foto)


 


 

Una volta tornati a casa i due si sono accorti che qualcosa non andava, notando il grave stato di sofferenza del bambino che continuava a urlare e lamentarsi. Come scrive Vicenza Today l’operazione svolta in maniera completamente errata sul pene del bambino ha costretto i medici vicentini ad una complessa operazione sia per la pulizia dell’organo che stava rischiando una infezione sia per la ricostruzione anatomica. Sulla vicenda sta ora indagando la squadra Mobile: si cerca di risalire all’identità del finto medico, che pare in possesso di passaporto tedesco.

“Gli avete tagliato il pene! Cosa avete fatto?!”. Il bambino di soli 10 anni entra in ospedale per un banale intervento, ma quello che succede in sala ha dell’incredibile. La rabbia dei genitori