“Quella ragazzina…”. Yara Gambirasio, choc e vergogna: ecco cosa è successo sui social. Scoperta disgustosa che ha scatenato un putiferio su Facebook


Una polemica assurda, di cattivissimo gusto, scoppiata in rete a nemmeno ventiquattro ore dalla letture della sentenza che ha di fatto riconosciuto Massimo Bossetti come l’assassino di Yara Gambirasio. Il verdetto della corte d’assise d’appello di Brescia era arrivato a mezzanotte e mezza, dopo 15 ore di camera di consiglio, confermando l’ergastolo già inflitto in primo grado. Una condanna letta dal presidente Enrico Fischetti e che accoglie l’impianto accusatorio: è l’imputato il responsabile dell’omicidio della 13enne di Brembate, scomparsa il 26 novembre 2010 e trovata senza vita in un campo di Chignolo d’Isola tre mesi dopo. Un delitto aggravato dalla crudeltà e dalla minorata età della vittima. Un caso che aveva tenuto l’Italia con il fiato sospeso per settimane intere, quello della scomparsa della ragazzina, e che è arrivato alla sua conclusione. Al momento della lettura della sentenza Bossetti era rimasto impietrito: la corte non ha creduto alla sua innocenza, non concedendo la perizia sul Dna. Lui, in lacrime, ha detto di sentirsi vittima di un “grave errorie giudiziario”, dopo aver definito Yara “la figlia di tutti”. (Continua a leggere dopo la foto)








Proprio queste ultime parole hanno dato il là a una vergognosa sequenza di messaggi comparsi in rete e che, in maniera goliardica ma decisamente fuori luogo, ironizzano sull’aspetto fisico della povera Yara, con tanto di battutine e paragoni umilianti. Un utente scrive infatti subito su Facebook, dopo aver letto le dichiarazioni di Bossetti: “La figlia di tutti? Io un mostro così non lo vorrei manco morta”. Frasi che non restano isolate, con altri internauti pronti a raccogliere la sfida e lanciarsi a loro volta in provocazioni e battutacce da bar. (Continua a leggere dopo la foto)





 

A notare i terribili commenti su Facebook, è stata la psicologa e criminologa Roberta Bruzzone che li ha fotografati per poi pubblicarli sul suo profilo. “Una che scrive tali bestialità contro una bambina assassinata e contro la sua famiglia non può certo passare ‘inosservata’…” ha scritto la Bruzzone. Una donna aveva infatti aggiunto poco dopo “Una bambina brutta come Uga Fantozzi – scrive – voi non sapete nemmeno che razza di bastardo è il padre…” La “signora” non ha fatto marcia indietro nemmeno di fronte ai commenti di altri utenti che le hanno risposto indignati, ironizzando sull’apparecchio per i denti di Yara.

“Perché mi fate anche questo!”. Omicidio Yara Gambirasio, la disperazione di Massimo Bossetti. Cosa succede in carcere. E quella decisione che potrebbe cambiare tutto

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it