Dopo la sequenza choc della donna incastrata nelle porte del vagone della metro di Roma, trascinata per diversi metri tra urla disperate, ecco emergere un retroscena che sta facendo discutere parecchio


 

Immagini impressionanti, che hanno scioccato gli utenti italiani sui social. Un video girato dalle telecamere presenti lungo la linea B della metro di Roma e che mostrano, fotogramma dopo fotogramma, l’orre accaduto lo scorso mercoledì, quando una donna è rimasta agganciata alle porte di un convoglio in partenza da Termini ed è stata trascinata via. Lì per lì sembrava impossibile che la vittima potesse uscire indenne dall’agghiacciante dinamica. Invece, per fortuna, ce l’ha fatta: ora è ricoverata in terapia intensiva con un polmone perforato, una frattura esposta al bacino e altre a gambe e braccia. Ma non è in pericolo di vita, e a vedere i due video in possesso del Corriere della Sera, che li ha pubblicati sulle proprie pagine virtuali, sembra davvero un miracolo. Soprattutto le immagini sembrano poter spiegare anche la dinamica, fino a oggi mai chiarita. Nel primo filmato della durata di un minuto viene inquadrata nella parte sinistra dello schermo la cabina del macchinista: si vede il treno arrivare, fermarsi, aprire le porte; escono ed entrano passeggeri, come sempre accade. Ma le cose non vanno come sempre. Nella cabina del macchinista si accende una luce e l’uomo, con il treno fermo, sembra mangiare: ha un contenitore davanti a sé e porta alla bocca delle forchettate. (Continua a leggere dopo la foto)







 

Tra un boccone e l’altro guarda lo specchio retrovisore, due volte, infine chiude le porte, riparte e, benché le immagini non siano più chiarissime pare abbassare la testa per mangiare ancora. Le immagini scorrono veloci come la metropolitana, e dopo pochissimo ecco sopraggiungere la coda del treno: incastrata in una porta dell’ultimo vagone c’è la donna, fuori dal treno ma con una mano agganciata alla porta mentre chiede aiuto dimenandosi e gesticolando. (Continua a leggere dopo la foto)

 




 

Dall’Atac non è arrivato nessun commento: tutto ciò che si sa è che dall’alba di giovedì è scattata l’istruttoria sul ruolo del macchinista e sul funzionamento dei mezzi, e sembra inevitabile una severa procedura disciplinare per il dipendente. Il secondo video mostra ancora meglio cosa successo alla quarantatreenne bielorussa Natalya Garkovic: entra nel vagone ma poi ci ripensa, esce, le porte si chiudono, e così rimane con la mano destra attaccata al convoglio. L’incidente sembra essere dovuto a una borsa, o a una busta che rimane all’interno della metropolitana.

“Si è buttato sotto la metropolitana!” Suicidio in diretta, le telecamere nella cabina guida riprendono tutto. Un uomo si è tolto la vita così… Il video è drammatico

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it