“Ridatemi le mie figlie!”. Le ha partorite, poi un sonno profondo e al suo risveglio le piccole non c’erano più. La terribile vicenda di questa mamma sembra uscita da un film e invece è una (triste) storia di cronaca tutta italiana


 

“Ero solo una bambina”, inizia così il toccante post di Raffaela Migliaccio, la donna che nel 1986 partorì prima e le vennero sottratte poi, due gemelline fino a qualche ora prima collegate ancora a lei tramite il cordone ombelicale. La donna si definisce una “mamma a metà”, come scrive nel post pubblicato su Facebook con uno scopo ben preciso: riuscire a ritrovare le sue due figlie, gemelle, portatele via immediatamente dopo il parto avvenuto 31 anni fa, quando lei di anni ne aveva solo 14. Non è di certo un caso sconosciuto, già “Chi l’ha visto?” cerca di occuparsene nel 2004 ma senza un considerevole beneficio per la donna. Inutili le dirette, le parole, le foto della giovane Raffaella: nessuno sa dove siano, nessuno sa chi le ha portate via, chi le ha divise per sempre dalla sua mamma. La vicenda di questa donna non è di certo unica ma ancora una volta descrive appieno il terrore di ogni mamma: perdere per sempre il proprio bambino, il dolore più grande che una donna possa sopportare. Ma è nell’appello pubblicato su Facebook che si legge la disperazione della donna, privata delle sue figlie per una decisione della madre, nel mentre venuta a mancare. (continua dopo la foto)



Una richiesta, quella di poter vedere almeno una volta le figlie, che ha colpito i cuori di migliaia di persone che stanno condividendo il post nella speranza di farle riabbracciare. “Ero solo una ragazzina quando ho portato in grembo due bambine,due gemelle delle quali conosco solo il battito del cuore tramite le eco..Una violenza all’età di 14anni mi ha resa mamma però una mamma per metà!!Nove mesi di amore nove mesi consapevoli che non sarei stata una normale adolescente ma felice di poter essere una mamma…” (continua dopo le foto)

 

“Purtroppo – continua – non potevo decidere del mio destino in quanto minorenne, ho avuto le doglie e tanta forza di darle alla luce per conoscere il loro volto ma invece qualcuno ha deciso per me e all’improvviso l’incubo,un anestesia un sonno profondo e al risveglio le mie bimbe nn c’erano qualcuno ha deciso per me,le mie forze sono state inutili erano già destinate ad un altra mamma????.Sono passati 31anni nei quali non ho mai smesso di cercarle senza nessun risultato,di loro conosco solo i nomi che hanno ricevuto presso l’OSPEDALE ANNUNZIATA DI NAPOLI BRAMINO SARA BRAMINO MILENA 15/01/1986 battezzate il 28/1/1986 nella Chiesa dell’ospedale VI PREGO CONDIVIDETE E AIUTATEMI A TROVARLE SOLO UNA MAMMA POTRÁ CAPIRE IL MIO INFINITO DOLORE.. “

Ti potrebbe anche interessare: “Ci sposiamo, sì. Ma a modo nostro”. L’incredibile storia di Anna e Lucia, sorelle gemelle che condividono tutto (ma proprio tutto): dal sesso al numero di cellulare, ogni cosa nella loro vita è identica