Da due mesi gli investigatori la cercavano senza sosta. Sparita nel nulla a bordo di una nave da crociera a Rimini. Ma ora il mistero potrebbe essere vicino alla soluzione. Dentro una valigia hanno trovato questo: orribile


 

Il mistero legato a Xiang Lei lei, la donna cinese scomparsa mentre era a bordo di una nave da crociera, potrebbe presto trovare una soluzione. Il caso, sui cui stanno indagando in maniera coordinata le procure di Civitavecchia e Rimini, era scoppiato lo scorso 10 febbraio quando della donna si erano perse le tracce. Secondo gli investigatori il corpo non sarebbe stato fatto sparire nel Tirreno, quanto piuttosto a Katakolon, in Grecia, altra tappa del viaggio. La valigia avrebbe galleggiato nell’Adriatico per circa un mese, approdando a Rimini. Dove sabato è stata notata da un passante che si è insospettito per la presenza di quel bagaglio abbandonato tra le imbarcazioni e ha avvertito i carabinieri, la cui caserma si trova a poca distanza dal luogo del ritrovamento. All’interno il corpo di una donna fatto a pezzi. La donna, dalle sembianze asiatiche, era stata infilata prima dentro un sacco dell’immondizia chiuso dentro un trolley blu. Secondo le prime indiscrezioni – scrive il Corriere delle Sera – il cadavere sarebbe stato fatto a pezzi. (Continua dopo la foto)






Ma è impossibile dire, almeno prima dell’esito degli esami autoptici previsti lunedì, come sia stata uccisa. Se soffocata, o accoltellata. L’uomo che ha ritrovato la valigia, avrebbe tentato di tirarla fuori dall’acqua ma a causa de notevole peso dell’oggetto, si sarebbe insospettito A segnalare la scomparsa della donna cinese era stato il personale di bordo della Msc Magnifica al momento dello sbarco a Civitavecchia. Dalla sera dell’11 febbraio padre e figli, come racconta il personale di bordo, cenavano da soli.(Continua dopo le foto)






 



 

 

Finché addirittura il 13 febbraio – come racconta l’addetta alle cabine – Belling chiese di non preparare più il divano in cabina perché avrebbero dormito su un letto solo. Il gip, sempre a quanto scrive il Corriere, ritiene che i motivi dell’omicidio siano da rinvenire nel difficile rapporto della coppia, con serie difficoltà economiche nonché da tempo sotto osservazione dei servizi sociali irlandesi. Belling si è difeso fin da subito sostenendo che la moglie si è allontanata durante la crociera.

“Ma che schifo!”. Vanno a un ristorante cinese di Padova, ordinano e quando arriva il cameriere ecco cosa trovano nel piatto. No, non riuscirete davvero a credere ai vostri occhi: ma come fanno a mangiare questa roba?

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it