“Ecco l’identikit, troviamolo”, la polizia diffonde l’allarme in Italia: si apposta fuori dalle scuole e molesta le ragazzine. Un vero schifo, tutti i dettagli


 

È un fatto grave e va detto cosa sta succedendo. Si avvicina alle ragazzine con i pantaloni calati, rivolge loro apprezzamenti spinti e poi tenta di afferrarle e di palparle: a Voltri (Genova) è caccia al molestatore che, secondo gli investigatori, da dicembre a oggi è entrato in azione almeno 5 volte, terrorizzando le giovanissime studentesse dell’istituto comprensivo del quartiere, suscitando inquietudine e preoccupazione tra i genitori. Negli ultimi mesi le segnalazioni sono arrivate numerose, e i carabinieri, che in queste settimane hanno moltiplicato gli sforzi per individuarlo, sono riusciti a ottenere una descrizione che sembra mettere d’accordo tutte le vittime e che potrebbe portarli sempre più vicini ad incastrarlo: un uomo tra i 30 e i 40 anni, con i capelli neri, presumibilmente italiano, che si apposta nei dintorni della scuola Voltri 1 e aspetta le ragazzine cercando di avvicinarle al loro passaggio, con i pantaloni già calati a mostrare le parti intime. (Continua a leggere dopo la foto)






Un solo uomo, sottolineano i militari, nonostante che inizialmente le descrizioni fornite dalle giovani vittime, ancora sotto choc, sembrassero indicare una persona sulla sessantina con i capelli brizzolati: “Le testimonianze raccolte sino a oggi e le indagini ci portano a pensare che si tratti sempre dello stesso uomo, inizialmente descritto come più anziano. Ma non possiamo neppure escludere che gli ultimi episodi siano slegati rispetto a quelli di dicembre, e di avere a che fare con un emulatore, un altro molestatore che agisce sulla scia del primo”, spiega una fonte investigativa a GenovaToday. Di certo c’è che tutte le vittime – almeno 5 – hanno tra i 9 e i 12 anni, e tutte sono state avvicinate con lo stesso modus operandi. (Continua a leggere dopo la foto)








 

Le prime denunce sono arrivate a dicembre, con un picco a gennaio, l’ultima è stata presentata dai genitori di una dodicenne giovedì 23 marzo: stando al racconto dei genitori, la ragazzina stava correndo verso la scuola perché in ritardo quando, all’altezza di via Cerusa, un uomo ha provato a sbarrarle la strada con le parti intime scoperte. La piccola, terrorizzata, è riuscita a raggiungere l’ingresso della scuola e a rifugiarsi al suo interno, per poi raccontare tutto alla madre una volta tornata a casa. Il quartiere, adesso, è ovviamente sull’attenti, e presidiato con attenzione dalle forze dell’ordine. Richieste di fare rete, vigilare sui più giovani e segnalare ai carabinieri episodi sospetti si rincorrono su chat e social network.

 

Ti potrebbe interessare anche: “Ma che hai il ciclo?”. L’autista del furgone molesta pesantemente la ciclista al semaforo. Quello che fa poco dopo la ragazz è da standing ovation: il video più virale del momento è un inno alla ribellione femminile

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it