Giallo o tragedia? A 11 anni si impicca al letto a castello, choc in paese: ”Eppure lui era…”


 

Tragedia a Soriano al Cimino, Viterbo: un bambino di soli 11 anni si sarebbe suicidato impiccandosi con una cintura al letto a castello mentre la mamma era fuori. L’ha lasciato solo per qualche minuto lunedì pomeriggio scorso, il tempo di andare a sbrigare una commissione con il figlio più piccolo e al rientro la tragica scoperta. Si chiamava Edoardo Ribisi l’11enne che, stando a quanto rivelato dall’esame autoptico svolto ieri e che non ha rivelato alcun segno di violenza sul piccolo, si sarebbe tolto la vita. Il perché abbia compiuto il folle gesto è ancora un mistero.

(Continua a leggere dopo la foto)



Gli inquirenti stanno scavando nella sua vita, sotto esame ci sono libri, quaderni, disegni che potrebbero far luce sulla psiche del ragazzino, descritto da tutti come un bambino di un’intelligenza superiore. Ciò che il pubblico ministero Chiara Capezzuto, titolare del fascicolo, sta tentando di individuare è un possibile movente, un segnale che sveli uno stato di malessere inespresso che potrebbe aver indotto il bambino a cercare la morte. Se non dovesse emergere nulla in grado di avvalorare la pista del suicidio, che dal primo momento è stata quella più accreditata, rimarrebbero in ballo la simulazione per suggestione o il gioco finito in tragedia. In entrambi i casi Edoardo non avrebbe avuto alcuna intenzione suicida ma sarebbe rimasto vittima di una tragica fatalità. Ieri pomeriggio, dopo l’esecuzione dell’autopsia, la procura ha autorizzato la restituzione della salma di Edoardo alla famiglia. Ma i funerali non sono stati ancora fissati.