Riecco l’Etna, tra paura e spettacolo della natura: boati e tremori ad alta quota. Continua l’eruzione, l’esplosione di un cratere causa alcuni feriti


 

Almeno dieci persone sarebbero rimaste ferite dall’esplosione di uno dei crateri dell’Etna che è nuovamente in attività. Le dieci vittime sembrano essere state colpite da materiale lavico, ma fortunatamente nessuno di loro sarebbe in gravi condizioni. Soltanto sei di loro saranno ricoverati negli ospedali di Catania e Acireale. Si tratta di una decina di turisti che si sono feriti a seguito di una esplosione freatomagmatica, conseguenza del contatto della lava con un blocco di neve. I lapilli volati in aria hanno colpito i turisti che si trovavano a poche centinaia di metri dalla colata nel versante sud del vulcano. Le loro condizioni, comunque, non sarebbero gravi. Sul posto è intervenuta la polizia, il corpo forestale della regione siciliana e le guide alpine della Guardia di finanza. L’eruzione dell’Etna, cominciata due giorni fa, prosegue con delle esplosioni dal nuovo cratere di sud – est. (Continua a leggere dopo la foto) 






Oltre all’attività strombolina sulla zona sommitale del vulcano sono presenti due colate laviche. La più recente si è formata ieri in tarda serata ed è originata da una bocca effusiva che si è aperta dalla base del nuovo cratere di sud – est e che si dirige verso la desertica Valle del Bove. La seconda, invece, presente già da due giorni ha effettuato lo stesso percorso della colata generata dell’eruzione dei primi di marzo e ha rallentato la propria discesa in direzione sud – ovest nelle vicinanze di Monte Frumento Supino, a circa 2650 metri di altitudine.

(Continua a leggere dopo le foto) 








 

Sul posto si trovano gli esperti dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia che stanno effettuando dei sopralluoghi. Il tremore si mantiene stazionario su livelli alti. L’eruzione, ben visibile anche da Catania e dai paesi della zona pedemontana, non sta fortunatamente creando disagi né al traffico aereo dello scalo di Fontanarossa né agli appassionati di sci che anche oggi hanno scelto di trascorrere una giornata sulle piste dell’Etna.

Leggi anche: Fuochi d’artificio al naturale, ecco come l’Etna festeggia l’anno nuovo

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it