“Avevo 6 anni. Lei mi chiese di abbassarmi i pantaloni e…”. La confessione a sorpresa del super vip che rivela ai fan quell’episodio a luci rosse vissuto quando era soltanto un bambino


 

Ogni volta che apre bocca c’è da stare certi: di sicuro non sentiremo qualche banalità. Vittorio Sgarbi è così, un vulcano in continua eruzione, sempre sopra le righe e sempre autore di uscite destinate a passare alla storia. Di recente, il critico d’arte era finito sulle pagine dei giornali per la sua vita sentimentale al solito molto intensa. I tabloid scrivevano di una storia con Sabrina Colle ormai giunta al capolinea, lui si presentava all’opening party del Festival di Sanremo facendosi accompagnare da Miss Europa, Francesca Pepe, per la cronaca più giovane di 40 anni buoni. A Vanity Fair la coppia aveva rivelato di essersi conosciuta di fronte a una vetrina, quella di una mostra d’arte in corso proprio nella città della canzone. Lui ha visto lei, le ha chiesto di accompagnarlo, lei ha accettato. “Poi io ho litigato con il produttore della mostra e così ho deciso di appartarmi con Miss Europa”. Non male come primo appuntamento, verrebbe da dire. (Continua a leggere dopo la foto)



 

In un’intervista rilasciata a Libero Quotidiano, Sgarbi è poi tornato a parlare della sua vita sessuale, chiarendo tra l’altro quale sia stato il primo ricordo erotico capace di segnare la sua esistenza: “A 6 anni, mi appartai con la figlia di un panettiere, di 5 anni. Mi chiese di farglielo vedere e io glielo mostrai, ma suo padre ci scoprì e lo andò a riferire al mio”. (Continua a leggere dopo la foto)


 


 

Sgarbi ha poi parlato della sua adolescenza e di un rapporto non troppo felice con i compagni di scuola (“In classe mi definivano ucialina, termine dispregiativo perché portavo gli occhiali”) e del rapporto che ha con la nostalgia: “È presbite, perché guarda lontano, e custodisce le cose, garantendoci che non moriranno mai del tutto”.

“Capra, capra, capra!” Ma Vittorio Sgarbi questa volta potrebbe pagarla cara…