“Sesso con bambini sordomuti…”. La sconvolgente confessione di Don Eligio Piccoli che sta facendo rabbrividire. Ecco, le violenze nei confronti dei ragazzi disabili del Provolo di Verona


 

Uno scandalo assurdo che sta provocando sgomento e rabbia. Al centro di questa vicenda scabrosa minorenni, in alcuni casi disabili, che sarebbero stati abusati da uomini di chiesa che avrebbero, invece, dovuto provvedere al loro benessere. Dal 2009 ad oggi sono 67 le persone disabili che hanno denunciato abusi da parte dei preti che esercitavano – e in parte eserciterebbero ancora – all’Istituto Provolo di Verona, un ente attivo in tutto il mondo che assiste i minori sordomuti provenienti da famiglie disagiate. Oltre alle vittime, nel 2009 uno dei preti confessò alla magistratura le violenze perpetrate contro i minori e ora un secondo sacerdote ammette a alla stampa di aver avuto un rapporto sessuale con un assistito dell’ente. La sua confessione sta creando un putiferio. Lui si chiama Don Eligio Piccoli, che, dal letto di una struttura vaticana a Negrar, vicino a Verona, parla di almeno dieci preti coinvolti e di “sospetti toccamenti” da parte delle suore dell’Istituto Gresner nel confessionale della Chiesa di Santa Maria del Pianto. (Continua a leggere dopo la foto)






I tre edifici – Gresner, chiesa e Provolo – sono adiacenti. Come spiega Francesco Zanardi, presidente della Rete L’Abuso Onlus, molti preti accusati di violenza verso i minori sarebbero ancora al Provolo. Pertanto, sarebbe coinvolto nello scandalo anche l’Istituto Gresner, non solo per quanto dichiarato da Don Piccoli ma soprattutto per le accuse mosse da Giuseppe Consiglio, ex assistito dell’ente gestito dalle suore. L’uomo afferma di essere stato vittima di abusi che si sono consumati nella chiesa da parte dei preti dell’istituto adiacente. 

(Continua a leggere dopo le foto)








 

Uno dei preti indagati, ad oggi si trova ancora al Provolo, nega con forza di essere mai stato alla mensa del Gresner, nonostante una foto lo ritragga lì e nonostante un’ex studentessa confermi la consuetudine delle confessioni in chiesa. Qui i preti del Provolo avrebbero avuto modo di “incontrare” gli studenti del Gresner. “Ad oggi – hanno dichiarato le vittime degli abusi – i preti responsabili degli abusi vivono tranquillamente ancora nell’istituto Antonio Provolo di Verona o in Argentina. Noi continueremo a chiedere giustizia affinché chi ha commesso detti crimini che hanno rovinato la vita di tante persone sorde, vengano inchiodati alle proprie responsabilità”.

Ti potrebbe interessare anche: Papa Francesco alle vittime dei pedofili: ”Siete eroi, mai più mantenere il segreto su questi crimini”

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it