“Un’esplosione fortissima!” Paura fuori Roma, un’intera palazzina crolla: i vigili del fuoco stanno ancora scavando sotto le macerie. La situazione


 

La notizia è arrivata poco fa e si è portata dietro una scia di preoccupazione e paura. Un’esplosione fortissima, sentita anche a distanza di chilometri, infatti, ha distrutto una palazzina causandone il crollo. Un edificio di due piani in via Rufelli 47 ad Ariccia, vicino Roma, è stato parzialmente distrutto a causa, queste le prime ipotesi dei carabinieri, di una fuga di gas. Due persone, una donna di 48 anni e un uomo, sono state estratte vive dalle macerie ed entrambi sono stati trasportati d’urgenza al pronto soccorso dell’ospedale di Albano Laziale, il più vicino. Delle loro condizioni però, ancora non si sa nulla, ma sembra siano gravi. Quattro squadre di pompieri sono ancora al lavoro, aiutati dalle unità cinofile, e stanno scavando tra le macerie della palazzina per escludere la presenza di altre persone nel luogo dell’esplosione. Lo scoppio è avvenuto intorno alle 18 e 30 di questo pomeriggio. (Continua a leggere dopo la foto)



Ancora incerte rimangono per ora le cause dell’esplosione, ma secondo le prime ipotesi potrebbe trattarsi di una fuga di gas da una bombola gpl che si trovava all’interno di un appartamento della palazzina. La strada, stando a quanto si legge su un gruppo Facebook della zona, sarebbe tuttora bloccata. I vigili del fuoco finora hanno estratto vive solo una coppia, marito e moglie, coinvolte nel crollo della villetta familiare.

(Continua a leggere dopo le foto)



 

Ariccia è sotto choc. I due coniugi sono stati trasportati all’ospedale di Albano. La palazzina in parte è distrutta ed è quindi stata dichiarata inagibile. Per precauzione sono state sgomberate anche alcune abitazioni che si trovavano intorno alla villetta. Sul posto i carabinieri di Ariccia.

 

Ti potrebbe interessare anche: “Cominciamo con una esplosione a Roma”. Terrorismo, Italia nel mirino: un arresto. Qual era l’obiettivo del jihadista