“Vai a succhiare ca… negri. T..ia impestata!”. Squallore in diretta. È bastata una foto postata sui social insieme a lui, l’artista più discusso del momento, e Giulia Innoncenzi è stata massacrata


 

“Troppe minacce”. Con questa motivazione lo staff di Bello Figo, il cantante originario del Ghana, ha comunicato la cancellazione del concerto previsto a Roma il prossimo 4 febbraio. Prima di Roma erano state annullate le date di Brescia, Mantova e Legnano, ogni volta per colpa di improvvisati estremisti di destra in cerca di visibilità A pesare sulla decisione del rapper, arrivato alla ribalta delle cronache anche grazie ad alcune accese discussioni televisive dedicate al tema dei migranti, i ripetuti avvertimenti minatori ricevuti sui social da parte di gruppi dell’estrema destra. In molti si sono schierati in difesa del cantante. Tra i tanti, la giornalista e scrittrice Giulia Innocenzi, che ha addirittura chiesto l’intervento del ministro dell’Interno Marco Minniti per far rispettare il diritto alla libertà d’espressione. “La questione qui non è se le sue canzoni siano di vostro gradimento. Il punto è che viviamo in un paese dove c’è una persona a cui è impedito di esibirsi per colpa di quattro sfigati fascisti. (Continua dopo la foto)








Io non ci sto, e dico che è ora che intervenga qualcuno dal ministero degli Interni. Ministro Minniti, se ci sei batti un colpo!”. Una presa di posizione legittima. Peccato però che il post della Innocenzi sia stato condiviso su un’altra pagina Facebook, quella di Avanguardia Nera, dove gli utenti si sono prodotti in commenti irriferibili, di una volgarità mostruosa. Commenti che la Innocenzi ha raccolto e successivamente pubblicato, annunciando che: “Tra poco andrà tutto nelle mani della polizia postale.

(Continua dopo le foto)




 


 

Da qualche anno sono bersaglio dell’odio della rete, le donne sono tra i cinque bersagli più abituali, insieme ai neri. Stavolta ho deciso di farmi un bel faldone e di denunciare tutto, anche perché questi fascisti di Avanguardia Nera hanno già cancellato il post che mi riguardava. Ho fatto tutti gli screenshot, andrà tutto in mano alla polizia postale. Chiedo che il Ministero degli Interni dica qualcosa su quello che sta succedendo, mandate una pattuglia della polizia dove si esibisce Bello Figo, ma fate fare un concerto. Altrimenti si afferma che in Italia non vale più lo Stato di Diritto, ma vale lo Stato della forza e della violenza. E poi non posso più accettare commenti di questo tipo, ormai i social sono diventati una fogna a cielo aperto”.

Pif ”in love”. Dopo la fine della storia con Giulia Innocenzi, l’ex iena e regista di successo è di nuovo innamorato. Beccato con una bella mora, tra coccole e tanto relax: le foto “intime”

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it