”Ecco perché li hanno uccisi”. Un mese dal terribile omicidio di Ferrara: massacrati a colpi d’ascia, Salvatore e Nunzia erano stati trovati morti nella loro casa. Ora arriva la notizia: svelato il movente del brutale assassinio


 

Potrebbe avere un movente il duplice omicidio di Nunzia Di Gianni, 45 anni, e il marito Salvatore Vincelli, 59. I due sono stati uccisi con brutale ferocia il 10 gennaio, a colpi di ascia dal figlio e dal suo amico che il giorno dopo il delitto hanno confessato. I ragazzi avevano confessato dopo dieci ore di interrogatorio cosa era successo dietro a quei muri. La prima versione traballante li voleva reduci da una serata in compagnia, passata nella dependance dove il figlio dei coniugi Vincelli viveva. Il 17enne – 18 anni a novembre – si sarebbe fermato a dormire dall’amico. Poi, attorno alle 5, si sarebbe sentito male e ha chiesto di essere accompagnato a casa, a Caprile, frazione poco distante da Pontelangorino dove abita con i genitori e dove la mattina dopo i carabinieri troveranno in un canale l’arma del delitto, un’ascia, e vestiti intrisi di sangue. La versione proseguiva con la scuola marinata da entrambi e il ritorno del figlio a casa alle 13, poco prima di chiamare il 112. Ai carabinieri dirà in lacrime di aver trovato la madre morta in cucina e il padre senza vita in garage. (Continua a leggere dopo la foto)






Tutti e due con la testa avvolta in sacchetti di plastica. E invece dopo dieci ore di interrogatorio si è saputo che quei sacchetti erano stati messi sia per un goffo tentativo di depistaggio. Ma ora è il settimanale Giallo a lanciare la notizia sul movente.  Spunta la teoria di un amore omosessuale tra i due inseparabili amici che sarebbe stato ostacolato proprio dalla stessa coppia. Notando le inclinazioni omosessuali del figlio Riccardo i due avrebbero provato a parlargli, ma lui, molto ribelle e poco incline al dialogo con i genitori si sarebbe infastidito al punto di mettere a termine un omicidio tanto efferato. 

(Continua a leggere dopo le foto)








 

Nei giorni precedenti all’omicidio, Manuel aveva anche pubblicato un messaggio su Facebook in cui provava a svelare il suo amore segreto per Riccardo. Un messaggio, citato da Giallo, ispirato al testo di una canzone del cantante rap Sac1: “Per sbaglio si sono innamorati”.  Adesso i due sono lontani, reclusi in due carceri diversi, forse pentiti per un massacro compiuto probabilmente allo scopo di difendere il loro nido segreto “dall’invadenza degli estranei”.

”Ora voglio solo morire”. Ecco cosa ha fatto in carcere Gabriele, il giovane accusato dell’omicidio di Gloria Rosboch

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it