“Aiuto! C’è un uomo che annega”. Immagini choc da Venezia: un 22enne nel Canal Grande, ma nessun presente fa nulla per salvarlo e muore. E a rendere tutto ancora più drammatico è la sua identità: ecco chi era. Una pagina vergognosa


 

Aveva solo 22 anni Pateh Sabally il ragazzo proveniente dal Gambia morto annegato nel Canal Grande di Venezia tra decine di persone che guardavano e filmavano l’accaduto. Il video è piuttosto impressionante per i commenti che si sentono: il ragazzo viene chiamato “Africa” e qualcuno dice anche “Meglio lasciarlo morire, tanto ormai…”. A un certo punto si sente la persona che ha ripreso la scena con il telefonino rivolgersi a un vaporetto vicino per chiedere che venisse lanciato un salvagente, che il ragazzo però non prende. Nessuno si getta in acqua per tentare di salvarlo. Secondo i primi rapporti della polizia, il ragazzo intendeva suicidarsi. La procura di Venezia ha aperto un’inchiesta. Non si sa se si tratti di un suicidio o di una fatalità. Il ragazzo era sbarcato a Pozzallo, in Sicilia, due anni fa: aveva un permesso umanitario, ma non è chiaro se fosse ancora valido, riporta il Corriere della Sera. Sembra, scrivono alcuni giornali, che il permesso gli fosse stato revocato: la sua storia, comunque, non è ancora stata ricostruita completamente dalla polizia che si sta occupando del caso. Il Corriere del Veneto aggiunge che sono stati ritrovati lo zaino di Pateh Sabally, i suoi documenti chiusi in una busta di plastica sigillata e un biglietto del treno con destinazione Venezia comprato il giorno prima a Milano. Dice sempre il Corriere: “La relazione della polizia è arrivata sul tavolo del pm Massimo Michelozzi che deciderà in queste ore se disporre l’autopsia, anche se dalla prima ricostruzione non sembra ci sia alcuna ipotesi di reato”. (Continua dopo la foto)







Pateh Sabally era stato ripreso quello stesso giorno intorno alle quattro del pomeriggio anche dalle telecamere di sorveglianza della stazione Santa Lucia: era rimasto seduto sui gradini della stazione con il suo zaino, che poi aveva abbandonato, a un certo punto si era avvicinato a un pontile di legno e si era buttato nell’acqua (la temperatura era di circa 5 gradi). Erano presenti molte persone e almeno due vaporetti: in tutto, prima che il ragazzo venisse trascinato dalla corrente sul fondo, gli sono stati lanciati quattro salvagente. I sommozzatori dei vigili del fuoco sono arrivati dopo circa 10 minuti e hanno trovato Pateh Sabally un’ora dopo l’annegamento, incastrato tra i pali delle gondole dall’altra parte del canale.

(Continua dopo la foto e il video)






 

Dino Basso, direttore della sezione di Mestre della Società nazionale di salvataggio, ha detto che c’era un loro bagnino nella zona dell’annegamento che stava per buttarsi: “Si è tolto il giubbotto, si è guardato in giro per consegnarlo a qualcuno, ma in quel momento è stato distratto dalle urla di una donna in barca che diceva ‘sta facendo finta’. Il tempo di guardare meglio e l’uomo era sparito”. E ancora: “Se lanci un salvagente a qualcuno impietrito dall’acqua gelida non lo prenderà, è meglio cercare di afferrare la persona da un barchino. Non voglio incolpare nessuno, ma forse qualcosa in più per salvarlo si poteva fare”. E la domanda sorge spontanea: “Qualcuno si sarebbe buttato per soccorrerlo, se solo il ragazzo fosse stato bianco?”.

Ti potrebbe anche interessare: “Una morte orribile”. La tragica fine di questa mamma e del figlioletto di 4 anni: lei con un filo elettrico al collo, lui annegato nella vasca. E quel particolare sul bimbo riapre una vecchia storia: ecco chi è suo padre

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it