Non bastava la neve, ora anche il fiume desta preoccupazione. L’esondazione alle prime ore del giorno: rischio altissimo per chi sia avventura in strada. Cosa sta succedendo


 

Il maltempo continua a colpire l’Abruzzo. Dopo l’emergenza neve, si impone l’emergenza acqua. Intorno alle 5 ha iniziato a esondare il fiume Pescara e le golene sono state chiuse già alle 4.33 quando si sono accesi i semafori segnalando la situazione di allarme. Lo rende noto il Comune di Pescara. Problemi di allagamenti si registrano in tutto il territorio comunale, su cui la Protezione Civile comunale, in sinergia con Polizia Municipale e forze dell’ordine sta operando per cercare di uscire dalla fase di emergenza. Si raccomanda la massima prudenza e di prendere l’auto soltanto se necessario: le strade allagate non consentono di avere una perfetta cognizione dell’eventuale pericolo e il passaggio delle auto potrebbe peggiorare la situazione allagamento alle strutture circostanti. Criticità non solo a Pescara, ma anche a Montesilvano (Pescara) e Francavilla al Mare (Chieti) per gli allagamenti, con strade e sottopassi chiusi in più punti. A Montesilvano, in particolare, è stato chiuso un tratto di lungomare perché le traverse che portano alla riviera erano invase dall’acqua. (Continua dopo la foto)







Al lavoro la protezione civile con nove idrovore. Sul fronte della neve, l’Enel ha provveduto a ripristinare la fornitura di corrente a buona parte dei 300 rimasti senza elettricità ieri, ma rimangono ancora 87 mila utenze al buio. La situazione più grave nel Teramano. A fornire l’aggiornamento il presidente della Regione Abruzzo, Luciano D’Alfonso, sulla sua pagina Facebook: “Le utenze Enel non servite, in questo momento, sono 48mila nel Teramano, 27 mila nel Chietino e 12 mila nel Pescarese”.

(Continua dopo la foto e il video)






 

Problema simile anche in Sicilia, dove una tempesta di neve si è abbattuta su Ragusa, spingendo il sindaco Federico Piccitto a disporre la chiusura di tutte le scuole, dagli asili alle superiori. La decisione, presa nella notte, è stata assunta dopo il repentino peggioramento delle condizioni meteo. Chiuse anche le scuole del Comune di Chiaramonte Gulfi. Un maltempo che sta mettendo in ginocchio l’Italia come raramente prima di adesso. Non si può far altro che stringere i denti sperando che queste perturbazioni passino il prima possibile.

Ti potrebbe anche interessare: Sconvolgente: una “mamma” di Pescara costringe il figlio di 5 anni a fare sesso con lei e poi diffonde i video della tremenda vergogna. Ma ecco come è andata a finire (per fortuna)

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it