La terribile fine di Vincenzo, il 22enne scomparso da casa: ecco come lo hanno ritrovato


 

È stato trovato morto carbonizzato Vincenzo Liotta, 22 anni. Il ragazzo, rinvenuto nelle campagne di Piraino (Messina), era scomparso due giorni fa da Palermo. Studente universitario di Economia e finanza, il suo corpo è stato rinvenuto carbonizzato in contrada San Costantino, dove si trova una casa di campagna della famiglia. I carabinieri di Piraino e Patti, intervenuti per i primi rilievi, sono orientati a credere che si sia trattato di un terribile incidente o di un gesto volontario.

Il giovane era uscito da casa, in via Alessandro La Marmora, alle 9 di due giorni fa, a bordo della sua Toyota Rav quattro. Da allora non aveva più fatto ritorno. Il suo telefono cellulare era stato intercettato l’ultima volta verso le 22.30 vicino all’aeroporto di Punta Raisi. I genitori avevano sporto denuncia per la sua scomparsa.

 

(Continua dopo la foto)



Accanto al corpo dello studente sarebbe stata trovata della pasta non del tutto cotta. Forse Vincenzo aveva deciso di trascorrere una giornata nella casa che i genitori stanno costruendo a Piraino e qualcosa è andato storto mentre stava cucinando. Vicino al luogo dell’incidente c’erano anche alcune taniche di benzina. I genitori e i parenti non credono al suicidio. “Era – raccontano ai media i familiari – un ragazzo solare. Vincenzo amava la vita e i suoi studi. Non sappiamo cosa sia successo a Piraino. Aspettiamo l’esito delle indagini dei carabinieri che al momento non escludono la pista dell’incidente”.

Ti potrebbe interessare anche: Il mistero di Gianluca, 19enne ucciso a fucilate mentre andava a scuola