“Morirete tutti”. Italia sotto choc per questa scritta senza precedenti. Messaggi di condanna per la preoccupante minaccia. Cosa sta succedendo e a chi è rivolta


 

“Morirete tutti”. Ancora alta tensione a Volpago del Montello, dove all’ingresso dell’ex polveriera, il luogo che dovrebbe ospitare l’arrivo di un nuovo gruppo di profughi nella Marca, è apparsa una scritta minatoria e offensiva. Una frase minacciosa e inquietante che suona quasi come una tragica e violenta promessa xenofoba e razzista. L’amministrazione comunale, venutane a conoscenza, ha immediatamente provveduto a denunciare il gesto ai carabinieri, cancellare la scritta e diffondere un messaggio di condanna. “L’amministrazione e il Comitato No Centro Accoglienza sul Montello -si legge- condannano con forza il gesto irresponsabile dell’ignoto che ha ingiuriato con una scritta irripetibile i cancelli della polveriera. Siamo per la tutela del nostro territorio e della nostra gente, ma chi vuole estremizzare e strumentalizzare sulla questione polveriera, troverà in noi sempre un forte no”. Queste le parole dell’assessore Alessandro Mazzochel che ha personalmente provveduto a cancellare la scritta. C’è però chi considera l’ipotesi che possa trattarsi di un vandalismo creato da un singolo, anche se l’ipotesi può veritiera è che si tratti di un lavoro di squadra. (Continua dopo la foto)







Quello che è certo è che è stato lanciato un vero e proprio messaggio ai 98 profughi in arrivo a Volpago nelle prossime settimane. Una frase intimidatoria e rivoltante, che seppur cancellata resterà impressa nella mente e nel cuore di chi l’ha vista e avrà sicuramente voglia di raccontarla.

(Continua dopo le foto)








 

Sul posto sono intervenuti gli uomini delle forze dell’ordine. Per il momento la tensione resta molto alta ed è chiaro come molti cittadini non accettino la decisione di accogliere questo nuovo contingente di migranti nella loro città.

Ti potrebbe anche interessare: Lui è un ricercatore italiano. Come fa spesso, prende un aero per andare a una conferenza e all’improvviso lo accusano di essere un terrorista. Panico! La sua colpa? Scopritela e morirete dal ridere!

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it