Le immagini di questo ospedale arrivano dall’Italia. “Ma come si fa? Così si muore”. È tutto vero, guardate in che condizioni sono costretti a stare malati e personale. Dove sta accadendo


 

Un accesso “molto elevato” in ospedale a causa della diffusa influenza, fatto che ha determinato l’impegno delle barelle nei reparti del nosocomio. Questa la causa della situazione che si è venuta a creare nell’ospedale Santa Maria della Pietà di Nola (Napoli), testimoniata in un video diffuso sul web in cui si vedono malati adagiati a terra e che, secondo i primi risultati di un’inchiesta interna aperta dalla Asl Napoli 3 Sud, farebbe riferimento alla notte tra il 7 e l’8 gennaio. A spiegarlo all’Adnkronos è il direttore sanitario della Asl Napoli 3 Sud, Luigi Caterino, che assicura: “Il problema ora è risolto, c’è un’affluenza sostenuta ma gestibile. Ho contattato poco fa il 118 e la situazione attualmente è tranquilla. Abbiamo comunque chiaramente provveduto a stabilire subito l’acquisto di barelle”. Quella dei malati curati a terra nel pronto soccorso è stata quindi una situazione determinata dal fatto che “le barelle erano distribuite nei reparti perché in ospedale c’era un tasso di occupazione molto elevato, causato dalla diffusione massima dell’influenza in quei giorni e molti malati cronici sono arrivati in pronto soccorso.

(Continua a leggere dopo la foto)







C’è stato un accesso molto elevato e le barelle erano impegnate”, conclude Caterino. “Dopo la vergogna dell’ospedale di Boscotrecase ora tocca a Nola. Già pronta un’interrogazione parlamentare per denunciare la scandalosa situazione degli ammalati adagiati a terra perché mancano letti e barelle”. Il post su Facebook è di Paolo Russo, parlamentare di Forza Italia, che fa riferimento alle immagini andate in onda in un servizio del Tg5.

(Continua a leggere dopo la foto e il post)






 

“Altro che De Luca commissario alla Sanità: mi interessa che prima di ogni manfrina politica si ridia dignità ai miei concittadini – continua – Se il Santa Maria della Pietà deve funzionare in questo modo è meglio chiuderlo perché di ospedali così si muore. De Luca aveva promesso che non saremmo mai più stati ultimi, ci ha ridotti all’indigenza. Il ministro intervenga per restituire il diritto alla salute dei cittadini di un’area che conta 600 mila abitanti. E ora non si pensi di giocare a scaricabarile sui coraggiosi medici che tentano, pur senza strumenti a disposizione, di difendere la vita delle persone”.

 

Caffeina News by Adnkronos

(www.adnkronos.com)

 

Ti potrebbe interessare anche: “È la fine del mondo!” La terribile ‘profezia’ arriva dall’Italia e la annuncia una vecchia statua di un’aquila a due teste. In molti cominciano ad avere paura, ecco perché

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it