Spari al tribunale di Milano, bilancio drammatico: ucciso anche un giudice


 

A sparare in tribunale sarebbe stato Claudio Giardiello, imputato per bancarotta fraudolenta. Secondo quanto raccontano gli avvocati presenti in aula, l’uomo avrebbe esploso 4 o 5 colpi di pistola al quarto piano del tribunale, sul lato di via Manara, attorno alle 11 di mattina dopo che il suo difensore ha rinunciato al mandato, scatenando il caos all’interno dell’edificio. I morti sarebbero due, tra loro sarebbe rimasto ucciso un giudice (nella foto, in primo piano). E c’è anche un ferito.

(continua dopo le foto)













L’uomo avrebbe fatto fuoco contro il giudice e i testimoni e poi contro altri due uomini seduti nelle panche riservate al pubblico. Secondo il 118 due persone in arresto cardiocircolatorio sono state condotte rispettivamente al Policlinico e al Fatebenefratelli. Un ferito a Niguarda. Questo il primo aggiornamento ufficiale. All’esplosione dei colpi centinaia di persone hanno cominciato a riversarsi in strada. È ancora in corso la caccia all’uomo e il palazzo è stato evacuato: in molti erano già fuggiti e le forze dell’ordine hanno invitato tutti gli altri presenti ad uscire.

I carabinieri presenti hanno fornito le generalità dell’uomo, spiegando che ha sparato diversi colpi d’arma da fuoco contro testimoni, si è dato alla fuga all’interno di Palazzo di Giustizia e non è stato ancora catturato. Le ricerche sono in corso all’interno del vasto edificio, sono state chiuse tutte le uscite ed è stato evacuato tutto il terzo piano del Palazzo, dove ci sono le aule in cui si celebrano i processi.

Il magistrato che è stato ucciso da Giardiello è il giudice fallimentare Fernando Ciampi. A riferirlo è il procuratore della Corte d’Appello Giovanni Canzio. Sarebbe stato ucciso nel suo ufficio, al secondo piano del palazzo di Giustizia. Ancora non è stato confermato ufficialmente, ma è presumibile che sia stato raggiunto da Giardiello, dopo che aveva già esploso almeno quattro colpi di pistola nell’aula della seconda sezione penale dove era in corso il processo a suo carico per bancarotta.

Terrore a Milano: spari in tribunale, ci sono morti e feriti. È caccia al killer

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it