L’annuncio choc: bomba nella metro il 1° maggio. Ecco come stanno le cose


 

Non si sa chi sia stata la prima persona a diffonderla, ma i vertici dell’antiterrorismo milanese hanno detto che è una bufala, un fatto totalmente infondato. La storia, narrata nell’audio dalla voce di un ragazzo, viene presentata come ”un fatto che è successo alla figlia di una collega di mia madre”. Nel racconto, una ragazza cammina per strada quando un uomo davanti a lei, un uomo dai tratti somatici arabi, perde il portafoglio.








La ragazza lo raccoglie e insegue l’uomo per consegnarglielo. ”L’uomo dice alla ragazza se può offrirgli un caffè per sdebitarsi – racconta il giovane – ma lei è di fretta e dice di no. A questo punto l’arabo le offe un ”regalo” dicendo lei di non prendere la metro il 1 maggio (giorno dell’inaugurazione dell’Expo)”. Ma perché? Perché, almeno secondo la persona che racconta, anche se non lo dice in maniera chiara, potrebbe scoppiare una bomba. La bufala in realtà gira in rete da anni: Paolo Attivissimo, sul suo sito, l’ha soprannominata ”Il terrorista di buon cuore” e ne cita varie versioni, una in particolare del 2004, e altre precedenti. Ma non tutti lo sanno. In queste ore ci sono state ragazzine che, dopo aver ascoltato direttamente l’audio oppure i racconti di compagne di scuola che l’hanno udito in prima persona o anche loro hanno ricevuto la notizia di seconda mano, tornate a casa ne parlano con i genitori i quali si precipitano dai carabinieri o alla polizia per esporre i fatti. Intanto sale il numero delle persone che in questi giorni hanno deciso di non prendere la metro.

Potrebbe anche interessarti:

Sciopero dei benzinai, distributori a secco dal 31 marzo al 1 aprile. Ecco dove e come

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it