La scoperta choc: il cadavere di una donna in un sacco dell’immondizia. È Irene?


 

Il cadavere di una donna in avanzato stato di decomposizione è stato trovato nella zona delle Piagge a Firenze. Secondo quanto spiegato dalla polizia, intervenuta sul posto, il corpo, chiuso in un sacco di plastica nera, si trovava in un fosso al bordo della strada, alla periferia nord-ovest della città, non lontano dall’Arno e dalla linea ferroviaria. A notare il corpo è stata una passante che ha visto un braccio sbucare dalla busta di plastica. Si tratta di uno di quei sacchi neri che normalmente si usano per i rifiuti. Si trovava in un fosso scolmatore poco profondo, dove sul fondo ci sono alcuni centimetri d’acqua.

Tra le ipotesi prese in esame anche quella che il corpo sia di qualche persona di cui è stata denunciata la scomparsa. Proprio nella stessa zona del ritrovamento era scomparsa quasi due mesi fa una 43enne, Irene Focardi, che viveva con la madre nel quartiere delle Piagge. Tra gli episodi annotati, ci sarebbe anche un violento litigio con l’ex convivente. Arrestato e condannato per maltrattamenti sta scontando la pena agli arresti domiciliari, non è mai evaso, né risultano – da accertamenti di polizia – anomalie nel suo comportamento rispetto alla misura restrittiva, e tra l’altro non possiede un’automobile.

I cadaveri dei suoi due figli (11 e 14) congelati da un anno, arrestata la madre







 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it