Omicidio Meredith, Sollecito abbraccia il padre e in lacrime: “Finalmente è finita…”


 

“La prima reazione di Raffaele è stata un grandissimo abbraccio e un pianto a dirotto”. Francesco Sollecito, il padre di Raffaele, ha parlato con i giornalisti subito dopo la sentenza di annullamento della condanna inflitta in secondo grado a suo figlio per l’omicidio di Meredith. “Nella sua innocenza ci abbiamo sempre creduto, ma visto quello che è successo avevamo grossi dubbi. Questa Corte ci ha confortato molto già dalla relazione introduttiva. Ci hanno fatto intendere che hanno letto tutte le carte che abbiamo prodotto e anche l’ultima sentenza della Corte d’Appello”.

Sollecito ha aggiunto, in merito al giudizio di secondo grado, che “chiunque abbia un minimo di discernimento sa che è una sentenza che non si può considerare”. Rispondendo alle domande dei cronisti ha, poi, detto: “Il nostro pensiero va a Meredith che è stata la prima vittima di questa tragedia. Siamo molto vicini alla famiglia come lo siamo sempre stati e finalmente anche loro potranno dire che c’è stata giustizia, perché l’unico responsabile – ha concluso – è stato condannato in via definitiva”. Peccato che l’unico condannato sia stato Rudy Guede, ritenuto colpevole di concorso in omicidio. Già, ma con chi?

Ti potrebbe interessare anche: Omicidio Meredith, Raffaele Sollecito e Amanda Knox assolti in via definitiva. Caso chiuso (dopo 8 anni)