Attentato a Tunisi, i superstiti rientrati in Italia: ”Ci ha salvati Dio”


 

‘’È Dio che ci ha salvato’’. Così una donna scampata alla strage di Tunisi, scendendo dal bus che ha riportato una trentina di crocieristi a Torino, ha commentato l’attentato avvenuto due giorni fa al museo Bardo. La donna, insieme ad altri 130 compagni di viaggio della Costa Fascinosa, è rientrata oggi in Italia con un volo proveniente da Palma di Maiorca, direzione aeroporto di Genova. Abbracci e lacrime hanno anche caratterizzato il rientro degli altri 71 croceristi, arrivati a Fiumicino con un volo messo a disposizione da Costa Crociere dopo l’attentato. Hanno poca voglia di parlare, i sopravvissuti all’attentato abbracciano i loro cari e si lasciano andare a qualche commento, un pensiero per gli orfani, e qualche imprecazione, come ‘’una vacanza di m… ‘’. Il tragico bilancio del più grave attentato terroristico in Tunisia dal 2002 conta 23 morti, tra cui 18 stranieri, 3 tunisini e 2 terroristi.



Potrebbe anche interessarti:

Attentato di Tunisi, riparte la Costa Fascinosa. Ma la crociera si è trasformata così