Fare la spia è cosa buona e giusta, lo dice il nuovo manuale


Combattere la corruzione con il Whistleblowing, ovvero, la soffiata del collega. Utilizzata per prima dalla Agenzia delle Entrate, darà la possibilità ai dipendenti di denunciare condotte illecite. Chiaramente c’è un regolamento. Un piccolo manuale per lottare la corruzione delle Entrate, attivando il meccanismo di soffiate tutelate.

(Continua dopo la foto)

 



“Il dipendente che segnala non può essere assimilato a un delatore”, ma è considerato “prezioso collaboratore spontaneo”. Il manuale nasce da un inquadramento normativo della procedura inserita con la legge anticorruzione. La tutela è richiesta anche dalla Convenzione civile europea sulla corruzione che prevede gli obblighi di protezione e tutela del dipendente segnalatore. Per la denuncia sarà adibita una casella di posta elettronica accessibile a pochi dipendenti. Inoltre include anche la possibilità di denunciare, oltre ai fatti penali, anche la gestione dei procedure e disposizioni operative dell’Agenzia, come accessi indebiti agli archivi informatici, irregolarità nell’uso del badge per le presenze, rapporti o contatti ricorrenti con uno stesso consulente, richieste o interessamenti reiterati da parti di colleghi su specifici fascicoli. Chi fa segnalazioni rimarrà nell’anonimato e non potrà essere discriminato.

Ti potrebbe anche interessare: Italia campione d’Europa per la corruzione (e poteva andarci anche peggio)