Una picconata in testa: così finisce la vita di Antonia per mano del marito Pietro


 “Aiutami, ho fatto una stupidaggine”. Dopo aver colpito al capo la moglie con un colpo di piccone, Pietro De Mattia, pensionato di 66 anni, è sceso per strada e ha chiesto aiuto a un conoscente. Lo ha portato il casa, gli ha mostrato il corpo della moglie sul pavimento accanto a una pozza di sangue, e lo ha implorato di aiutarlo. Troppo tardi anche per gli operatori del 118, giunti subito sul posto: la donna, Antonia Cirasola, 56enne, era già morta. Immediato l’arresto dell’uomo da parte dei carabinieri della città, Gioia del Colle, in provincia di Bari, ai quali l’uomo ha confessato tutto. La coppia era andata a casa di un’anziana cugina del marito, da tempo ricoverata in una casa di riposo. Marito e moglie si occupavano di far arieggiare l’appartamento, di effettuare alcune faccende domestiche e di prendere la posta. Ma qualcosa ha preso una piega sbagliata: prima il diverbio tra i due e poi il marito ha afferrato un piccone riposto in uno stanzino e lo ha scagliato sulla testa della moglie. Un solo colpo ma tragicamente andato a segno. “Si è trattato di un raptus”, dicono i militari, che confermano che i coniugi non avevano mai avuto problemi. Difatti i due coniugi, lui tipografo in pensione con la passione per la scrittura, lei casalinga, erano conosciuti in paese come persone miti e pacate. Nessuno in paese ricorda nemmeno una lite furiosa tra i due che vengono descritto una coppia unita che viveva in serenità con i due figli.

“Basta bollette, mio marito è morto” La vedova porta le ceneri alla compagnia telefonica

“Vuole fare sesso tutti i giorni”. Moglie denuncia il marito. E il giudice…