91enne dichiarata morta si sveglia dopo 11 ore in obitorio. “Voglio una zuppa calda”


Janina Kolkiewicz è una donna polacca e, nonostante i suoi 91 anni, ha tanta voglia di vivere: morta, dopo 11 ore è tornata in vita. Tutto è cominciato quando sua nipote l’ha trovata stesa nel letto nella sua casa di Ostrow Lubelski. Le è parso che l’anziana zia non respirasse e fosse incosciente. Arrivato tempestivamente, il medico ha constatato l’assenza di battito, dichiarandola morta. Undici ore dopo, con il certificato di morte firmato, il corpo inviato all’obitorio e i preparativi per il funerale in corso, i parenti di Janina hanno ricevuto una telefonata dall’ospedale: la donna era viva. Di lì le dimissioni e il ritorno a casa della nonnina. Janina, affetta da demenza senile, non ricorda nulla dell’accaduto e si è solo lamentata di avere un po’ freddo. Per questo la prima richiesta della sua “seconda vita” è stata una zuppa calda.

Sepolta viva (per sbaglio), si sveglia nella bara. Ma muore per asfissia

 

 







Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it