Elena Ceste, e ora arriva anche un sms che accusa il prete…


Ancora particolari misteriosi attorno alla morte di Elena Ceste. Si torna a parlare di un sms ricevuto dal medico di famiglia. Ed è stato proprio il medico a parlarne ieri durante la trasmissione Domenica Live condotta da Barbara D’Urso. “Una persona che scriveva da una cabina telefonica del Sud, diceva di essere in possesso di notizie sulla donna. L’uomo, un autotrasportatore, dice di aver visto la donna strattonata da un uomo e trascinata dentro la chiesa”. E, inevitabilmente, l’attenzione si posta su don Roberto, il parroco amico di famiglia perché il medico ha parlato di un secondo sms che citava esplicitamente il sacerdote: “Vi ripeto che Elena entrò in chiesa alle 8.30 di quel giorno non vestita tirata con forza da don Roberto”. Messaggio firmato da “Il Rivelatore”.  Ma don Roberto si difende: “Io alle 8.37 ero in chiesa con altre persone. Elena non è arrivata in chiesa e sicuramente non ce l’ho portata io”. Particolari che gli inquirenti non sottovalutano considerando che, nel piccolo paese di Costigliole D’Asti, proprio la chiesa era uno dei luoghi più frequentati sia dalla vittima che dal marito, Michele Buoninconti. Ma è da tenere presente, come segnala lo stesso parroco, che proprio per questo qualcuno “dovendo inventare qualcosa, è stato facile forse scegliere un posto che frequentava”.