Stato di guerra? E la gente in piazza applaude i cecchini sui tetti


Scene di fratellanza tra il popolo francese, sceso ieri in piazza a Parigi e in altre città per manifestare solidarietà alle vittime degli attentati di Charlie Hebdo e contrarietà al terrorismo, e le forze dell’ordine impegnate a garantire la sicurezza della manifestazione. La folla ha più volte applaudito le forze di polizia e in particolare i tiratori scelti appostati sui tetti dei palazzi lungo la marcia. Un fatto che – lo sappiamo bene noi italiani – non è così ricorrente e che mette in evidenza uno stato d’animo diverso, rivoluzionato dai fatti drammatici dei giorni scorsi: il popolo si sente assediato ma non vinto e rilancia una sana alleanza con importanti simboli dello Stato.

Parigi capitale del coraggio e della libertà, la piazza contro il terrore: #iononhopaura

Quella terribile “profezia” di Papa Francesco: “La Terza guerra mondiale è già iniziata”

 








 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it