Natale choc all’asilo. Sono solo delle bimbe di 4 anni e la loro maestra si avventa su di loro: “Calci, schiaffi e insulti. Era una furia senza freni”. Le telecamere la inchiodano e il video fa il giro del web. Questa la “colpa” delle piccole


 

Quando mandiamo i nostri figli a scuola pesiamo che stanno in un luogo sicuro, accudite da maestre che sanno quello che fanno. E il più delle volte è così, ma queste bimbe che si stavano esercitando per la recita scolastica non possono dire la stessa cosa e soprattutto il ricordo di quello che hanno subito, le accompagnerà per sempre. Calci, schiaffi e insulti dati con una furia assurda e incomprensibile: questo hanno subito. Il motivo? Avevano dimenticato come andava eseguito il “balletto” di Natale. Per questo una maestra di Lu’an, una città della provincia di Anhui, nell’Est della Cina, è stata licenziata in tronco dalla scuola in cui insegnava. I maltrattamenti subìti da questi bambini sono documentati da un video a dir poco agghiacciante: di fronte a tanta cattiveria e insensibilità si resta quasi senza parole. Tanto più che il filmato, registrato dalle telecamere di sorveglianza della scuola, risale a pochi giorni prima di quest’ultimo Natale. (Continua a leggere dopo la foto)







Nel mirino della donna, le cui generalità non sono state rese note, sono finite in particolare due bambine di non più di quattro o cinque anni, “colpevoli” di non aver prestato troppa attenzione alle sue parole. Quel balletto sarebbe stato il fiore all’occhiello dell’annuale spettacolo di Natale organizzato dalla scuola, con tutti i genitori e i parenti degli scolari presenti, e loro non erano neppure riuscite a memorizzarlo. Ma come può una simile dimenticanza anche solo lontanamente giustificare tanta violenza e brutalità da parte della maestra? 

(Continua a leggere dopo le foto)




 

Ovviamente non ci sono scuse che reggano. E a rendere il tutto ancora più terribile è il fatto che, a quanto pare, al momento della sfuriata nell’aula era presente anche un’altra insegnante. Di qui la reazione dei genitori dei poveri bambini: non appena venuti a conoscenza, proprio per bocca di questi ultimi, delle anomalie che avvenivano in classe, hanno denunciato la scuola, citandola per danni, e chiesto che la maestra incriminata fosse rimossa. Per il risarcimento economico le trattative sono ancora in corso. Ma per il trauma subìto, come sempre in questi casi, non c’è indennizzo che tenga.

Ti potrebbe interessare anche: Picchia bimba di 10 mesi talmente forte da romperle la testa. Sotto i vestiti di una maestra d’asilo c’è un mostro. Il video che la incastra è tremendo. Immagini forti

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it