Avete mai visto un pinguino tradito? Il video del povero ”cornuto”, della compagna fedifraga e dello spavaldo amante sta facendo il giro del mondo tra lo stupore di tutti. Una scena davvero agghiacciante (altro che ”carini e coccolosi”)


 

Si è sempre pensato – sbagliando – che il tradimento o la fugace scappatella fosse una consuetudine riservata agli umani. Questa pratica è però molto diffusa tra molte specie di animali, soprattutto tra i  pinguini dell’Antartide che, in forme simili a quelle umane, preferiscono tradire il compagno di vita perché attratti da un altro. Da un recente studio, infatti, è scaturito che tali animali, sebbene siano stati ritenuti sempre come esempio di amanti romantici e soprattutto fedeli, si allontanano per avere rapporti sessuali occasionali. Il tutto, ovviamente, avviene all’insaputa del partner tradito, che può scoprire la fadifraga scappatella, come nei migliori casi umani. In questo modo il pinguino, dopo aver vissuto un’avventura extraconiugale, può tranquillamente tornare nel proprio nido dove lo aspetta la partner incosciente dei reali fatti accaduti.

(Continua a leggere dopo la foto)

Ma cosa accade se il pinguino tradito si accorge della scappatella? A dare una risposta ci ha pensato National Geographic, che ha ripreso il combattimento sanguinolento tra i due pretendenti, dopo la scoperta, da parte di lui, del tradimento di lei. Il video è diventato popolare sul web e ha raccolto più di 242mila retweet su Twitter.

(Continua a leggere dopo la foto)

 

 








L’episodio, avvenuto nella grande colonia di pinguini di Punta Tombo in Argentina, non è raro: anche se questi animali riescono formare coppie stabili (secondo gli esperti, i loro rapporti possono durare anche fino a 16 anni), le femmine spesso tendono a tradire il loro compagno e ad accoppiarsi con un altro. Per questo, le battaglie per conquistare (o riconquistare) la partner non sono inconsuete e possono determinare anche la morte del maschio.

Tornano i Pinguini di Madagascar, ecco le prime immagini del film

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it