Attentati a Parigi, spunta un video inedito dell’esplosione provocata da uno dei kamikaze. L’azione suicida di Abdeslam


 

Spunta un video inedito che mostra l’esplosione provocata da uno dei kamikaze entrati in azione il 13 novembre a Parigi. È stato mandato in onda dalla tv francese M6 e documenta l’azione suicida di Brahim Abdeslam, fratello dell’unico arrestato del commando, Salah, nel cafè Comptoir Voltaire su Boulevard Voltaire. Quello compiuto da Brahim, l’unico rimasto ucciso in seguito all’esplosione nel locale, fa parte della serie di attacchi terroristici che hanno colpito la capitale francese il 13 novembre 2015. 

(Continua a leggere dopo la foto)



Brahim Abdeslam, come suo fratello minore Salah, era nato a Bruxelles il 30 luglio 1984, da genitori immigrati provenienti da Bouyafar, un piccolo villaggio del Marocco. Brahim ha avuto una formazione da elettricista, era sposato civilmente nel 2006 e il matrimonio durò due anni. 

I nomi dei fratelli Abdeslam erano già nelle mani di Interpol, Europol e Sistema d’informazione Schengen (SIS) dal 29 ottobre 2015. Perché alle tre organizzazioni le autorità belghe avevano comunicato i dati di 837 persone iscritte nella Sûreté de l’Etat, tutti segnalati come potenziali foreign fighters. Tra loro c’erano appunto Brahim. A confermarlo era stato anche l’ufficio del ministro dell’Interno Jan Jambon.

(Continua a leggere dopo il video)

 

Il fratello – Salah Abdeslam, che attualmente si trova in Belgio, potrebbe essere estradato in Francia, per essere giudicato per gli attentati di Parigi, nelle prossime settimane. Lo ha confermato il suo avvocato Sven Mary in un’intervista al quotidiano belga ‘L’Echo’, precisando che l’estradizione è “imminente”, una “questione di due o tre settimane”. L’avvocato ha anche affermato che, “secondo le prime perizie, la cintura esplosiva” che Salah ha gettato anziché attivarla per farsi esplodere durante gli attacchi di Parigi “era in grado di funzionare”. E questo dovrà essere tenuto in conto nel processo. Salah deve rispondere in Belgio di tentato omicidio durante la sparatoria a Forest, avvenuta tre giorni prima della sua cattura e una settimana prima degli attentati di Bruxelles, per cui non è per ora accusato.

 

“In nome dell’Isis. Fate altri attentati”: il terrorista di Parigi “riappare” in un video