“Aiuto!”. Lo squalo si avvicina, panico in mare. Ed ecco cosa succede al malcapitato


 

Brutta avventura, fortunatamente senza conseguenze drammatiche, per Ken Gerke e Dave Barwise, due australiani intenti in una battuta di pesca in kayak a pedali. A bordo delle due imbarcazioni, i due pescatori si sono trovati faccia a faccia con un grande squalo bianco. La scena è stata immortalata con l’action camera che uno dei due aveva portato per registrare i momenti della pesca insieme all’amico. Ma quando i due pescatori si trovavano al largo di Urunga, in Australia, un grande squalo bianco ha circondato le due imbarcazioni e ha dettato Ken Gerke e Dave Barwise nel panico. Il pescecane, li ha accerchiati a lungo e li ha inseguiti quando hanno provato a spostarsi, come mostra questo estratto dal video originale. Alla fine del filmato, uno dei pescatori riesce a riprendere sott’acqua lo squalo. “Questi predatori vanno ammirati e rispettati – ha scritto a corredo del video Ken Gerke -. Siamo nel loro ‘cortile’, io sono solo un visitatore”. (Continua a leggere dopo la foto)







Dopo un primo momento di paura – nel video si può notare lo squalo che insegue uno dei due kayak a pedali – i pescatori hanno deciso di fermarsi e di ammirare la bellezza del grande squalo grande. Dopo poco lo squalo si è allontanato e i due hanno ripreso a pescare. Lo scorso anno, sempre in Australia, a Port Fairy, l’esperto pescatore Dan Hoey stava catturando delle ricciole da utilizzare a scopo scientifco insieme ai membri del suo team, il Salty Dog Charter Fishing. All’improvviso intorno alla barca era apparso un grande squalo bianco che infastidiva la pesca e rischiava di urtare il motore della barca: così Dan aveva deciso di allontanarlo con una semplice scopa. “Ci serve per pulire, ma anche per tenere lontano il grande squalo bianco” aveva raccontato. (Continua a leggere dopo la foto)




Ad aprile la forte presenza di squali bianchi nelle acque vicino a Margaret River, nel sud-ovest dell’Australia, e due attacchi a surfisti, hanno costretto l’organizzazione a cancellare l’ultima gara della competizione australiana. La decisione era stata presa dopo l’aggressione da parte dagli squali nella zona di Margaret River, luogo della terza tappa australiana del campionato. A peggiorare la situazione era stata una carcassa di balena ritrovata su una spiaggia vicina all’evento, possibile “esca” per gli animali della zona e quindi rimossa dalle autorità. (Continua a leggere dopo la foto)


 


Dopo pochi giorni, una pattuglia della polizia dell’Australia Meridionale che stava eseguendo dei controlli di routine su alcune imbarcazioni di pescatori nell’area di Tapley Shoal, a nove miglia da Edithburgh, era stata inseguita da un esemplare di squalo bianco. L’animale si era avvicinato alla loro imbarcazione e aveva cominciato a seguirli per dieci minuti prima di allontanarsi definitivamente. Secondo gli agenti, si trattava di un esemplare di circa quattro metri e mezzo, lungo quanto la loro barca.

“Aiuto! C’è uno squalo”. Allarme dalle spiagge italiane: terrore tra i bagnanti. Il video a pochi metri dalla riva

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it