“Aiuto, siamo intrappolate qua sotto”. Una mamma e la sua bambina appena nate precipitate in un pozzo profondo oltre 5 metri. Una disavventura terribile, bloccate senza cibo né acqua. Ma qualcuno si accorge dei pianti della piccola


 

Un video incredibile che mostra un’operazione di salvataggio miracolosa e che ha subito fatto il giro del mondo, commuovendo gli utenti grazie al coraggio dei protagonisti che sono riusciti non senza fatiche a scongiurare quella che poteva trasformarsi in una vera e propria tragedia. Un’azione eroica che è stata immortalata in una clip diventata virale: protagoniste loro malgrado della vicenda una mamma di 40 anni, la cui identità non è stata rivelata dalle forze dell’ordine, e la sua bambina di soltanto 19 mesi. La donna si è accorta all’improvviso che i suoi adorati cagnolini erano fuggiti di casa, probabilmente approfittando della porta rimasta aperta, e ha deciso di uscire con in braccio la figlia per andare a cercarli. Mentre girovagava nei dintorni dell’abitazione, però, è precipitata di colpo in un pozzo profondo oltre 5 metri, rimanendo drammaticamente intrappolata all’interno. Per fortuna alcuni passanti hanno sentito per caso il pianto della bambina e si sono così avvicinati alla profonda cavità. (Continua a leggere dopo la foto)






A quel punto sono scattati i soccorsi, con l’arrivo delle forze dell’ordine che hanno trovato inizialmente difficoltà a causa della profondità del pozzo. Grazie a un coraggioso vigile del fuoco che si è prontamente calato in basso, la piccola è stata subito messa in salvo. Successivamente è stata la volta della madre, estratta a sua volta e riportata alla luce. (Continua a leggere dopo la foto)






 

Tutto è successo a Gran Canaria, una delle Isole Canarie. I due agenti che con la loro determinazione sono riusciti a calmare la donna, guidandola nel corso del recupero, sono stati celebrati dal web. Le due hanno ricevuto le prime cure all’aperto, appena estratte, poi sono state portate in ospedale per ulteriori accertamenti. Entrambe, però, stanno bene e non hanno riportato ferite serie.

“C’è un bambino vivo qui sotto!” Una vocina arriva dall’orrore delle macerie e scattano immediati i soccorsi per tirar fuori il piccolo. Ecco cosa sta succedendo nel paese devastato dal terremoto

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it