Allarme per Van Gogh, il rosso dei suoi quadri sta scomparendo


 

Alcuni quadri di Van Gogh stanno letteralmente cambiando colore: gli intensi rossi utilizzati dal celebre pittore olandese si stanno lentamente sbiadendo fino a diventare grigi o addirittura bianchi. Per cercare di contrastare questo fenomeno che rischia di portarci via per sempre le opere di uno dei  pittori più amati al mondo, un team di ricercatori dell’Università di Anversa, in Belgio, ha studiato una delle tele maggiormente compromesse “Covone sotto un cielo nuvoloso“, dipinto nel 1889, attraverso una tecnica nota come tomografia della polvere ai raggi X.







Dallo studio, pubblicato sulla rivista Angewandte Chemie, è emerso che la causa della degradazione del rosso potrebbe risiedere proprio nella scelta del colore da parte dello stesso Van Gogh. L’ossido di piombo utilizzato per ottenere quella bellissima tonalità tende a reagire alla luce trasformandosi nel bianco conosciuto appunto come “bianco di piombo”.






I ricercatori hanno notato che al centro della macchia, la vernice è ancora di un rosso vivo poiché probabilmente il pigmento originale, la plumbonacrite, è stato protetto dall’aria, mentre il colore è cambiato più vicino ai bordi. L’unica soluzione, spiegano gli studiosi, è quella di trovare al più presto un tipo di luce che non susciti questo tipo di reazioni.

Leggi anche:

Camminare in un quadro di Van Gogh, la strada si illumina di stelle e di magia

Tutti i colori di Van Gogh fanno il giro del mondo a 125 anni dalla sua morte

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it