Meteo, l’inverno sta arrivando davvero: la neve è pronta a bussare alla porta


Il Vortice Polare è “ingabbiato” tanto che l’inverno sembrerebbe essere ‘finito’. Come molti di voi si saranno accorti in questi giorni l’inverno fatica a decollare. Si sta verificando un cosiddetto ‘blocco atmosferico’, causato dall’ alta pressione che tiene lontane le perturbazioni e le ondate di freddo. Tutto nelle mani del vortice polare, dunque. Ma di cosa si tratta nello specifico? E cosa si intende per ‘Vortice Polare’?

Il Vortice Polare è un’estesa area di bassa pressione, semi-permanente, collocata sopra il Polo Nord e al cui interno è racchiusa tutta l’aria fredda che si produce costantemente sulla calotta artica. È caratterizzato da un comportamento variabile, condizionato dalle dinamiche troposferiche presenti alle medie latitudini. Ciò significa che, se il vortice si ingabbia, compattandosi, il freddo rimane confinato al Polo Nord. Sul Mediterraneo e sull’Italia le condizioni meteorologiche appariranno stabili ed è esattamente quel che si sta verificando nelle ultime settimane. (Continua dopo le foto).












Lo scorso inverno, invece, si è verificato un susseguirsi di più e svariati fenomeni. Ciò che è bene sapere è che il Vortice può subire una ‘divisione’ in due o più parti, muovendosi con il suo carico di aria fredda e instabile verso Sud. Quando ciò accade, le ondate di gelo hanno la possibilità di investire il nostro Paese, subendo un incremento notevole. La causa che provoca la ‘spaccatura’ del Vortice si deve all’afflusso di correnti più calde: il fenomeno è detto stratwarming, ovvero riscaldamento stratosferico. (Continua dopo le foto).



Intorno alla terza decade di gennaio (19-20 e giorni successivi) non sono da escludere dei movimenti importanti, con una momentanea dislocazione del vortice dalla sua sede abituale che potrebbe avere conseguenze su diversi settori dell’Europa, anche sull’Italia. Al momento sta prendendo sempre più piede l’ipotesi di un’irruzione gelida in discesa dal Circolo Polare Artico tra la fine della seconda e l’inizio della terza decade del mese in corso, con il possibile ritorno della neve fino a quote molto basse anche in Italia. (Continua dopo la foto).

Ecco spiegato perché si parla di un inverno insolito: partito tardi, con temperature nella media. Non sembra voler ‘decollare’. Secondo gli esperti saremo prossimi alla neve, che ancora non sembra vedersi all’orizzonte. Ma è bene tenersi aggiornati sulle condizioni meteorologiche, posto che sono in continua evoluzione e mutamento. Che il Vortice Polare possa influenzare la nostra fredda stagione è fuori dubbio: non rimane che equipaggiarsi per bene nell’eventualità di una nevicata improvvisa.

Lutto per Tania Cagnotto, il dolore della tuffatrice: “Sarai per sempre con me”

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it