“Temporali e grandine”. Meteo, il freddo arriva in anticipo: cosa ci aspetta


Meteo, nel corso dell’imminente weekend, l’atmosfera sarà dominata da un aumento di pressione che garantirà un tempo soleggiato con clima estivo almeno fino ai primissimi giorni di ottobre, dove faranno irruzione venti freddi e precipitazioni. Il team del sito ILMeteo.it comunica che sabato 28 e domenica 29 settembre il tempo sull’Italia sarà prevalentemente soleggiato con temperature in aumento e valori massimi compresi tra 25 e 32°C su gran parte delle regioni. Per fare alcuni esempi sembrerà di essere tornati in estate a Roma, Firenze e Bologna (28°C), a Milano e Padova (27°C), mentre al Sud il clima estivo continuerà a far registrare valori di poco superiori ai 30°C. Nel weekend non sono previste precipitazioni degne di nota, se non qualcuna tra Liguria di levante e alta Toscana e sui rilievi del Triveneto.

Nel corso di giovedì 3 ottobre, l’alta pressione delle Azzorre potrebbe espandersi con decisione fin verso il Regno Unito, facendo scendere direttamente dal Polo Nord aria gelida in direzione del Paese. Continua dopo la foto







Il responsabile di tutto ciò sarà un vortice ciclonico ricolmo di aria fredda di origine polare che dopo aver attraversato l’Europa centrale, farà il suo ingresso anche sull’Italia. Visti i forti constasti tra masse d’aria completamente diverse che si verranno a creare non escludiamo la possibilità di forti rovesci, anche a carattere temporalesco, su buona parte delle regioni centro-settentrionali. Successivamente, diciamo tra il 3 e il 4 ottobre, il vortice si approfondirà ulteriormente tra basso Adriatico e Ionio, provocando un’ondata di maltempo anche al Sud. Continua dopo la foto






Anche le temperature ne risentiranno, portandosi su buona parte del Paese sotto la media del periodo, anche di diversi gradi.Poi una breve pausa potrebbe riportare un po’ di sole grazie ad una rimonta anticiclonica, ma nessuna illusione, le condizioni meteo sono destinate a cambiare nuovamente con l’ingresso di uno dei grandi assente degli ultimi mesi: stiamo parlando del flusso Atlantico, pronto a pilotare perturbazioni in serie verso l’Italia, già entro la fine della prima decade del mese. Continua dopo la foto



 


Sarà il ritorno delle grandi PIOGGE? Secondo gli ultimi dati molto probabilmente sì, potrebbe aprirsi un periodo piuttosto instabile, all’insegna di rovesci anche molto intensi. Da tenere nel debito conto, inoltre, la temperatura dei nostri mari, che potrebbe fornire il carburante necessario per lo sviluppo di imponenti celle temporalesche, con il concreto rischio di nubifragi e fenomeni alluvionali.
Difficile dettagliare vista la distanza temporale, ma con configurazioni di questo tipo e anche statisticamente, le regioni maggiormente coinvolte sarebbero quelle nord-occidentali, Liguria, Piemonte e ovest Lombardia su tutte.

Ti potrebbe interessare:“La prevenzione salva la vita”. Paola Ferrari mostra la foto con il carcinoma al viso e spiazza tutti

Tags:

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it