Il maltempo non molla, ancora pioggia e freddo: un maggio mai visto prima


Meteo, il maltempo che si sta abbattendo in queste ore sull’Emilia Romagna ha causato l’esondazione del fiume Savio in provincia di Forlì-Cesena. La ferrovia Rimini-Bologna è stata interrotta, e ora è in graduale ripresa, nel tratto tra Faenza e Cesena, a fini precauzionali a causa della chiusura del ponte della ferrovia sul Savio, e dove si registrano alcune interruzioni sulle strade provinciali in Appennino persmottamenti e frane. In particolare, in provincia di Forlì-Cesena, a Mercato Saraceno, ci sono 15 persone rimaste isolate per la chiusura della strada Monte Sorbo Cà di Pisino, 3 a Bagno di Romagna e 2 nuclei familiari a Modigliana.

Al momento, la situazione più difficile appare a Forlì, dove ha ceduto – nei pressi del ponte dell’A14 – l’argine in sponda sinistra del Montone, verso l’abitato di Villafranca. Nel Modenese, il fiume Secchia è osservato speciale per tutta la notte e per domani, dove il colmo è a Ponte Alto. Chiusi nelle ultime ore – oltre a Ponte Alto e dell’Uccellino – anche Ponte Motta a Cavezzo e Ponte S. Martino tra Carpi e S. Prospero perché la piena è arrivata a valle. Continua dopo la foto



È un meteo pazzo. Il mese di maggio continua a mostrare caratteristiche che non gli appartengono, uno strappo nella circolazione atmosferica che consente alle correnti fredde settentrionali di raggiungere con facilità il bacino centrale del Mediterraneo innescando o mantenendo in vita una circolazione ciclonica sull’Italia. Restiamo cosi, con un minimo di bassa pressione che rinnoverà condizioni di spiccata instabilità con tempo localmente anche perturbato. Continua dopo la foto


Almeno fino a mercoledì avremo a che fare con correnti fredde provenienti dalla Lapponia, poi da Giovedì possibile cambio della guardia in favore di infiltrazioni fredde nord Atlantiche. Insomma non c’è pace ! Il meteo oggi prevede al Nord iniziali condizioni di tempo discreto ma tra pomeriggio e sera transita un fronte instabile che distribuirà piogge e locali rovesci diretti dal nordest verso il nordovest con neve in calo sulle Alpi fino a 1000-1200m a fine giornata. Continua dopo la foto


 


Al centro si rinnovano condizioni di spiccata instabilità sulle regioni adriatiche e lungo l’Appennino con piogge e rovesci, neve in Appennino in calo fino a 1000-1200m. Tempo instabile anche sul Lazio ma con fenomeni più intermittenti, maggiori aperture in Toscana. Al Sud spiccata instabilità lungo l’Adriatico e sul basso Tirreno con piogge e rovesci anche a carattere temporalesco, in serata ulteriore peggioramento. Temperature in ulteriore calo da Nord A sud. Venti moderati o forti da N/NE sulle regioni del medio alto versante Adriatico e sul Tirreno centro settentrionale, da NO altrove. Mari molto mossi o localmente agitati.

Ti potrebbe anche interessare: “È solo stanchezza”. Ma quando torna dal viaggio di nozze ecco la verità: terribile