Attenzione! È stata diramata l’allerta meteo in Italia! Ecco le regioni più a rischio nelle prossime ore e nella giornata di domani


 

Sul nostro paese diffuse condizioni di instabilità, con precipitazioni al nord in estensione alle restanti regioni nel corso della prossima notte. La Protezione Civile, sulla base delle previsioni disponibili e d’intesa con le Regioni coinvolte – alle quali spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati – ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse. I fenomeni meteo, si legge in una nota, impattando sulle diverse aree del Paese, potrebbero determinare criticità idrogeologiche e idrauliche che sono riportate, in una sintesi nazionale, nel bollettino di criticità consultabile sul sito del Dipartimento.

(Continua a leggere dopo la foto)








L’avviso prevede dal pomeriggio/sera di oggi, sabato 30 aprile, precipitazioni sparse, anche a carattere di rovescio o temporale, sul Piemonte in estensione all’Emilia-Romagna. Dalle prime ore di domani si prevedono poi precipitazioni sparse, anche a carattere di rovescio o temporale, su Umbria, Lazio, Campania, Basilicata, Calabria e Sicilia che si estenderanno poco più tardi a Marche, Abruzzo, Molise e Puglia. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica, locali grandinate e forti raffiche di vento. Sulla base dei fenomeni previsti è stata valutata per domani criticità arancione per la Romagna, le Marche, la Campania e la Calabria tirrenica. La criticità è invece prevista gialla per il Piemonte occidentale e settentrionale, la Lombardia occidentale, l’Emilia e parte della Romagna, l’Umbria, il Lazio, l’Abruzzo, il Molise, la Puglia, la Basilicata, la Calabria ionica e la Sicilia.

(Continua a leggere dopo la foto)




Il quadro meteorologico e delle criticità previste sull’Italia sul sito del dipartimento della protezione civile www.protezionecivile.gov.it

 

Allarme terrorismo, Roma e Milano assediate dalle forze dell’ordine. Posti di blocco e allerta altissima, l’Fbi è stato chiaro: “Il rischio è alto”

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it